casciari-300x264(ASI) – Ammonta a 82 mila euro la somma destinata dalla Regione Umbria per finanziare progetti di sostegno alle responsabilità genitoriali: lo rende noto l'assessore al Welfare, Carla Casciari, sottolineando che sul sito istituzionale della Regione nell'area tematica, "Sociale", è stato pubblicato un avviso per la presentazione di progetti al quale, entro il 30 gennaio 2015, potranno partecipare i soggetti pubblici e privati che operano sul territorio regionale con compravate competenze nelle aree dell'infanzia e della famiglia.


"La Regione Umbria – ha spiegato l'assessore - intende integrare le azioni già svolte in attuazione dell'Intesa 2012 riguardante il consolidamento e la qualificazione del sistema integrato dei servizi socio-educativi per la prima infanzia ed in particolare dei servizi di sostegno alla genitorialità e dei centri per le famiglie. Di conseguenza, con le risorse stanziate dall'Intesa 2014, si vogliono implementare gli interventi di sostegno alla genitorialità a favore delle famiglie con minori. Si tratta di un ulteriore impegno per andare incontro alle famiglie umbre – ha detto l'assessore Casciari, ricordando – che la Regione Umbria ha sviluppato una serie di politiche con un'attenzione particolare proprio per i nuclei con figli a carico che non hanno raggiunto la maggiore età. Gli interventi si caratterizzano per una pluralità di azioni che comprendono il sostegno alle esigenze abitative, ai consultori familiari, alle famiglie numerose, il consolidamento e la qualificazione dei servizi socio-educativi, gli interventi per il diritto allo studio, i servizi domiciliari per le famiglie con minori, con anziani e non autosufficienti, fino agli interventi per la conciliazione dei tempi di vita e lavoro. In particolare – ha detto – negli ultimi anni, è maturata la convinzione che occorra proseguire sulla strada intrapresa sviluppando un complesso articolato di azioni per supportare la famiglia nei diversi momenti e contesti di vita. L'attenzione e l'aiuto economico alle famiglie - ha riferito - è ancor più necessario oggi, a causa dell'aggravarsi della crisi economica che delinea uno scenario diversificato della situazione che le persone vivono con un numero sempre più elevato di nuclei familiari fragili che, per il sopraggiungere di situazioni di svantaggio, rischiano di scivolare nel disagio conclamato".


Tv ASI

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information