Caserta0410203Perugia calcio. Caserta in pillole prima di Perugia-Fermana

Una settimana intensa

Questa settimana abbiamo fatto diverse doppie sedute non come conseguenza della partita di Mantova, ma perché avevamo già programmato così, sia in considerazione del fatto che avevamo finora lavorato poco, visto l’inizio in ritardo; sia perché nelle prossime settimane avremo ancora impegni . Su Mantova, ho detto ai ragazzi che abbiamo commesso un grave  errore di approccio che non ci possiamo più permettere, ma adesso dobbiamo  guardare avanti. Però devo dire che io fin dall’inizio ho trovato tutti ragazzi disponibili e vogliosi.

Burrai assenza pesante ma..

Burrai è un nostro punto di riferimento. È un’assenza  pesante, perché si tratta di un giocatore esperto e stava facendo bene, e poi ha caratteristiche che solo lui ha in rosa.  Sono però sicuro che chi lo sostituirà non darà qualità come lui, ma certamente un grande impegno.

L’aspetto mentale e la Fermana

L’aspetto mentale è la cosa più importante. Se non stai bene mentalmente non fai e bene neppure il resto. Questa settimana ho cercato di lavorare su cose che ci mancano.

La  Fermana è un avversario ostico, come tutti quelli che giocheranno contro noi. Dobbiamo ritrovare un po’ di serenità, venuta a mancare con Cesena e Mantova, dopo che prima avevamo fatto cose anche buone. Non dobbiamo avere paura in campo alla prima difficoltà e dobbiamo capire cosa fare nei  diversi momenti del match.

Le nostre difficoltà.

Le nostre difficoltà in attacco? Nell’ultima partita la valutazione non si può fare perché, presi due gol in pochi minuti, tutto è risultato falsato. Ma attacco e difesa non sono solo problemi dell’attacco e della difesa. Tutti i giocatori devono partecipare ad entrambe le fasi. E  dobbiamo diventare bravi a capire quando una palla vagante può essere pericolosa. Dobbiamo essere molto più cattivi, per esempio, anche sulle palle inattive. C’è tanto da lavorare. Comunque, una cosa che mi fa stare un po’ più tranquillo è che tutti si impegnano molto in allenamento. Purtroppo ci vuole tempo e pazienza, che noi non abbiamo. Però in questa settimana abbiamo capito gli errori.

Tutti i miei ragazzi hanno il fuori dentro

Non voglio passi un messaggio sbagliato. Io ho sempre visto la massima disponibilità da parte di tutti i miei ragazzi, a partite da quelli dalla vecchia guardia, che  sono rimasti tutti con una gran voglia di riscatto.  Ma vi assicuro che il fuoco dentro ce l’hanno tutti. Una partita sbagliata può capitare e non deve ripetersi. Io sono stato duro con me stesso e con la squadra. Abbiamo parlato tanto in questi giorni e capito che occorre cambiare la mentalità per affrontare le cose. Perché è vero che siamo  il Perugia, ma anche le altre hanno voglia e fame e, anzi, contro di noi, moltiplicano gli sforzi. Per cui noi non dobbiamo essere da meno.

Monaco può giocare

Salvatore Monaco non parte dietro nelle gerarchie. È un giocatore importante e lo ha dimostrato. All’inizio ha avuto  problemi fisici, poi altri problemi al polpaccio, ma l’ho visto molto  voglioso di fare bene. Ha pregi e difetti, che lui sa di dover limare. Se domani lo riterrò opportuno, può benissimo giocare.

Falzerano double face

Falzerano può ricoprire più ruoli. Può fare bene sia l’esterno che la mezzala. Per lui come per tutti, a mettere il vestito giusto alla squadra ci  vuole del tempo. Ma occorre farlo anche velocemente, facendo rendere al meglio tutti e ciascuno.

Gli ultimi arrivati

Gli ultimi arrivati Vanbaleghem, Cancellotti e  Favalli sono tutti utilizzabili. Cancellotti aveva già  fatto la preparazione. Idem Favalli,  che sta bene.  Con Vanbaleghem ho lavorato per fargli capire i movimenti. Ora dobbiamo cercare di farli rendere al meglio tutti. Tutti devono sentirsi partecipi.

Tifosi da rispettare.

Sugli spalti tornerà qualche tifoso. Mi auguro di fare una partita come si deve per i tifosi domani. Sia quelli che entrano,  sia quelli che resteranno fuori ma potrebbero entrare, devono disporsi a  lottare palla su palla. Questo  vuol dire rispettare i colori di una maglia ed i propri  tifosi.

Daniele Orlandi - Agenzia Stampa Italia


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information