CittaDiPerugia(UNWEB) Perugia. Se, nel complesso, i numeri della pandemia continuano a preoccupare, i casi positivi riscontrati finora all’interno dei servizi educativi per la prima infanzia del Comune di Perugia sono fortunatamente contenuti.


A fronte di 833 bambini e bambine accolti nei servizi comunali per la prima infanzia (di cui 584 nei nidi, 224 nelle scuole dell’infanzia e 25 nei centri per bambini), da settembre a oggi, si sono riscontrati 11 casi di bambini risultati positivi al Covid19. A questi si devono aggiungere 6 casi tra i 197 insegnanti ed educatori e 2 tra il personale delle cucine, che ammonta a 39 unità complessivamente.
In totale, dunque, 19 casi positivi che, se rapportati al totale dei bambini e del personale (236) ci dà una percentuale di appena l’1,8%, percentuale che si abbassa ancora all’1,71% se si considera anche il personale addetto ai servizi ausiliari (pulizia e custodia), dipendente dalla società appaltatrice, che pure frequenta giornalmente i servizi, il cui numero è attualmente di 41 unità.
Tutti i suddetti casi di positività si sono risolti con la messa in quarantena dei soggetti interessati senza ulteriori conseguenze.
“La costante assistenza del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL Umbria1 e del Servizio Igiene e Sanità Pubblica, a cui è affidata l’opera di prevenzione e controllo delle malattie infettive e diffusive nelle strutture ad utilizzo collettivo, tra cui quelle scolastiche, ha consentito di risolvere con efficacia e tempestività i casi segnalati. -ha precisato il Vice Sindaco e assessore alle Politiche per l’Infanzia e l’Adolescenza Gianluca Tuteri- Voglio, per questo, ringraziare sentitamente, da parte mia e dell’amministrazione, il Dipartimento stesso, il Servizio e gli operatori per la disponibilità dimostrata nell’accogliere con puntualità le segnalazioni da noi effettuate e nel fornire le opportune indicazioni sia al personale che alle famiglie, la cui efficacia -ha concluso- continua a consentire, da un lato, di tenere arginati i casi di positività all’interno dei servizi educativi, dall’altro, di garantire un punto di riferimento sicuro in frangenti di grande incertezza dovuta alla pandemia.”


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information