veglia missionaria 2021 nella chiesa di monteluce perugia f1 (UNWEB) Perugia. “‘Non possiamo tacere quello che abbiamo visto e ascoltato’ (At 4,20). Sono parole di una forza dirompente, tratte dagli Atti degli apostoli, che ci interrogano facendoci compiere un profondo e sincero esame di coscienza, perché tutti siamo invitati ad essere ‘profeti e testimoni’”.

Lo ha sottolineato il vescovo ausiliare di Perugia-Città della Pieve mons. Marco Salvi commentando il tema della Giornata mondiale missionaria, che la Chiesa celebra domenica 24 ottobre, durante la Veglia diocesvice, don Nicola Allevi e don Giordano Commodi, i direttori del Centro missionario diocesano don Orlando Sbicca e della Caritas diocesana don Marcoana di preghiera tenutasi questo fine settimana nella chiesa parrocchiale di Monteluce del capoluogo umbro. Erano presenti il parroco e il suo Briziarelli, nonché presidente dell’associazione “Amici del Malawi”, la coordinatrice della Commissione regionale per l’evangelizzazione dei popoli e la cooperazione tra le Chiese della Ceu Anna Maria Federico, un nutrito gruppo di ragazzi e una giovane coppia dell’Operazione Mato Grosso che ha testimoniato la sua esperienza missionaria in Perù nello spendere la propria vita per i poveri.

“Tutto ciò che abbiamo ricevuto, che il Signore via, via ci ha donato, dobbiamo gratuitamente donarlo agli altri – ha ricordato mons. Salvi –. Come gli Apostoli che hanno visto, ascoltato e toccato la salvezza di Gesù, così anche noi siamo toccati dalla vita di Cristo ogni giorno. Questa veglia è un momento di preghiera e di comunione importante per la nostra Chiesa, è un’occasione per risvegliarci dal nostro torpore. Questa pandemia ci ha imborghesito anche nella fede, ma dobbiamo rimetterci in cammino soprattutto ora che incomincia il cammino sinodale della nostra Chiesa. Per suscitare in noi questo desiderio di cammino dobbiamo lasciarci coinvolgere dall’attualità dei due messaggi che ci vengono offerti come riflessione della Giornata mondiale. Questo desiderio ci deve spingere ad osare e ad uscire dai confini delle nostre certezze e abitudini e comprendere, ascoltando la Parola di Dio, l’importanza di essere testimoni e profeti dando precedenza alla vita che abbiamo incontrato”.

“Le nostre comunità sono ricche di talenti – commenta mons. Salvi – dove ci si incontra con una molteplicità di espressioni di vita. E sono quelle diverse espressioni da valorizzare per offrire a tutti quella salvezza che ha toccato profondamente il nostro cuore. I luoghi sono la famiglia, il mondo del lavoro, la comunità civile, il mondo intero dove le difficoltà non mancano, sono presenti e spesso la strada può sembrare impervia, ma, come diceva santa Teresa d’Avila, ‘nulla mi turbi, nulla mi spaventi, tutto passa, solo Dio non cambia’”.

“Quindi l’Ottobre missionario – ha concluso la sua riflessione il vescovo ausiliare – è un periodo propizio per comprendere l’importanza dell’annuncio del Vangelo a tutti i popoli. In tutti i battezzati c’è una vocazione missionaria, perché il battesimo, che identifica la persona di Gesù, ci identifica la sua missione: Egli è il missionario del Padre e noi siamo i suoi missionari. Perciò ogni anno la Giornata missionaria e la nostra Veglia di preparazione ci riportano a qualcosa di centrale nella vita della Chiesa affinché il nostro battesimo diventi fonte di missione nella nostra vita”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information