Porzi PDIl consigliere regionale Donatella Porzi (Pd) chiede “misure straordinarie e scrupolose per detenuti, polizia penitenziaria e operatori”. Per Porzi è necessario “fare nostro l’invito del Papa di prestare attenzione nei confronti dei detenuti, anche in Umbria, in questo periodo di crisi socio sanitaria”.

 

(UNWEB) Perugia  -“Facciamo nostro l’invito del Papa di prestare attenzione nei confronti dei detenuti, anche in Umbria, in questo periodo di crisi socio sanitaria”. È quanto dichiara Donatella Porzi, consigliere regionale del Pd, che chiede: “misure straordinarie e scrupolose per detenuti, polizia penitenziaria e operatori”.

“Il settore delle carceri umbre – spiega Porzi – non è stato toccato da agitazioni e rivolte, e neanche da situazioni di contagi a differenza di quanto accaduto in altre regioni. Segno dell’ottimo riscontro dato dall’opera fatta dei quattro penitenziari umbri da parte della dirigenza e del personale, in cui una chiara informazione ha stimolato il senso di responsabilità dei detenuti e la condivisione con il personale. Anche in relazione al monitoraggio effettuato, sui 1451 ospiti, i tamponi effettuati sui soggetti di mobilità sono stati 175 (12,06 per cento) e solo 1 è risultato positivo. Per il personale, su 1009 sono stati effettuati 925 tamponi e solo un soggetto è risultato positivo. Quindi su 2.450 soggetti, 1100 tamponi e due positivi. Numeri importanti, sui quali occorre però avviare una fase di consolidamento”.

“Serve potenziare il comitato di crisi – prosegue Porzi – per sovrintendere e garantire il settore penitenziario. È necessario continuare e accelerare la fase di tamponatura a tutti i detenuti presenti e a tutto il personale, che andrà rafforzato, in quanto le piante organiche nazionali parlano di una sostanziale carenza per l’Umbria. A fianco al tampone, il personale deve essere dotato di dispositivi di protezione individuale e di una adeguata informazione su di essi”.

“La fase due – conclude Porzi – si costruisce anche con l’attenzione a questo campo. Una democrazia e una civiltà adeguata alle sfide del futuro non può prescindere dai valori costituzionali di una pena e di un sistema penitenziario che tenda alla rieducazione del condannato”.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information