Rossi Morroni AgabitiA Norcia, all'Assemblea della Coldiretti Umbria con l'Assessore Morroni, attenzione puntata sugli aspetti più rilevanti per il comparto

(UNWEB) Rafforzare il controllo della specie cinghiale anche tramite trappolamento e un nuovo e più efficace Piano di Contenimento: sono alcune delle novità su cui si sta lavorando per combattere i danni da fauna selvatica in agricoltura, emerse dai lavori dell'Assemblea della Coldiretti Umbria tenutasi ieri a Norcia, quale segnale di attenzione dell'Organizzazione agricola per un territorio che non può essere dimenticato, simbolo del sisma del 2016.

Se continua incessante il nostro pressing per combattere i danni da fauna selvatica, una delle vere emergenze del comparto - ha sottolineato il Presidente della Coldiretti Umbria Albano Agabiti - occorre pure guardare oltre la crisi da coronavirus e oltre il sisma: il periodo di difficoltà dovuto alla pandemia ha pesato molto sulle filiere agricole umbre, tanto più in quei luoghi come Norcia già alle prese con le ferite del terremoto e con una ricostruzione che tarda a concretizzarsi.

Se oggi la sfida è rilanciare produttività, redditività e valore del made in Italy agroalimentare, anche attraverso misure di sostegno straordinarie - ha affermato Agabiti - questo assume un'importanza ancora maggiore per le zone colpite dal terremoto, caratterizzate da un tessuto economico che non può prescindere dal binomio cibo e turismo. L'appuntamento con l'Assemblea di metà anno, si celebra in una situazione difficile soprattutto in questi territori - ha spiegato infatti Agabiti - da dove vogliamo ripartire e riconquistare quanto perduto. Chiediamo alle Istituzioni - ha aggiunto Agabiti - meno burocrazia, più semplificazione, risorse da orientare verso imprese proiettate al mercato, alla qualità, per rafforzare filiere e aggregazione, puntando su un unico e forte marchio identitario da valorizzare come brand "Umbria".

Gli eventi sismici, proprio come la pandemia - ha precisato il Direttore regionale Coldiretti Mario Rossi - hanno provocato lacerazioni profonde all'interno di realtà sociali ed economiche importanti, che si reggevano su produzione agroalimentare, ambiente e su un patrimonio storico culturale in grado di innescare flussi vitali di consumatori e di turisti. Proprio turismo, ricostruzione e semplificazione, devono poter rappresentare per tutta l'Umbria leve fondamentali per il rilancio. Ma serve concretezza - ha continuato Rossi - con una volontà reale e decisa pure nell'affrontare e superare le varie problematiche che osteggiano ancora le attività di tante imprese agricole, a cominciare dalla "piaga" cinghiali.

Valorizzazione delle filiere a partire da quelle di olio e vino, Programma di Sviluppo Rurale, innovazione, imprenditoria giovanile: sono alcuni dei temi su cui hanno posto l'attenzione i Presidenti di Coldiretti Perugia e Terni Giampaolo Farchioni e Paolo Lanzi. Occorre "investire" - hanno sottolineato - sulle potenzialità che il settore offre: da quelle concesse dalla multifunzionalità, con turismo rurale e di prossimità in testa, fino alla vendita diretta e alle opportunità di filiere distintive che rafforzino produzioni e cibo 100% made in Umbria.

Stiamo lavorando - ha affermato l'Assessore regionale all'agricoltura Roberto Morroni nel corso dell'Assemblea - su diversi assi: semplificazione burocratica, qualità dei prodotti, aggregazione delle imprese e digitalizzazione. La visione che occorre avere - ha spiegato - non può che intercettare questi temi. I veri salti in avanti in termini di progresso - ha tra l'altro sostenuto Morroni - avvengono spesso in tempi di crisi, fecondi per imprimere svolte evolutive. E proprio di una svolta - ha ricordato Morroni - necessita la ricostruzione post sisma, così come il problema dei danni da fauna selvatica all'agricoltura, una vera emergenza che comporta anche uno spreco di risorse pubbliche e su cui proseguirà il nostro impegno, in particolare per un più efficace contenimento della specie cinghiale.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information