logo confcommercio 840x420Al centro dell’azione di Confcommercio Umbria il famigerato Allegato 23 al DPCM del 14 gennaio scorso, che costringe irragionevolmente alla chiusura alcune imprese – abbigliamento e calzature, preziosi, ambulantato... - se collocate in zona rossa.

(UNWEB) La situazione scatenata dalla pandemia è difficilissima per tutti, ma per alcune imprese ancora di più, specie se percepiscono i provvedimenti restrittivi come una irragionevole ingiustizia.
In Umbria, dove la situazione epidemiologica costringe ad alzare la guardia specie in alcuni territori, il senso di frustrazione e scoramento comincia a prevalere.
Confcommercio Umbria si è attivata presso la Confederazione nazionale, perché concentri l’interlocuzione con il nuovo governo – dopo lo stop forzato della recente crisi – proprio sul superamento dell’Allegato 23 al DPCM 14.01.2021, che definisce i codici ATECO a cui si riferiscono i provvedimenti restrittivi, e quindi quali imprese possono stare aperte o chiuse a seconda della condizione sanitaria del territorio in cui operano.
Alla presidente della Giunta regionale umbra Donatella Tesei, che nei giorni scorsi si è confrontata con Federmoda Confcommercio, è stato chiesto di farsi portavoce presso il governo della stessa richiesta di radicale revisione dell’Allegato 23.
“Prima ancora di ottenere ristori veloci e adeguati al danno subito, per i quali comunque stiamo facendo una forte pressione a tutti i livelli”, commenta il presidente di Confcommercio Umbria Giorgio Mencaroni, “le imprese, che sono in grado di garantire condizioni di sicurezza a clienti e dipendenti, vogliono poter lavorare.
Abbiamo chiesto alla Regione e alla nostra Confederazione di farsi portavoce della necessità di ristori in favore soprattutto delle imprese più colpite dalla crisi e più tenute ferme dai provvedimenti restrittivi nazionali e regionali: tra queste rientrano a pieno titolo la ristorazione e tutte le attività legate al turismo, le imprese dei settori moda e preziosi, quasi tutto l’ambulantato e molti servizi quali nidi privati, agenzie formative e palestre, solo per citarne alcuni.
Ma è urgente e necessario rivedere l’Allegato 23 alla luce dei rischi reali che i settori tenuti chiusi comportano per la salute pubblica e delle incongruenze in esso presenti: si tratta di lavorare sui dati epidemiologici ed uscire da valutazioni empiriche e spannometriche che sembra abbiano ispirato il provvedimento e che stanno creando danni gravissimi alle imprese”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information