tommaso bori Il capogruppo regionale del Partito democratico, Tommaso Bori annuncia una lettera alla presidente della Terza Commissione, Eleonora Pace auspicando la programmazione di audizioni affinché la Regione raccolga le istanze e le proposte dei protagonisti e dei rappresentanti del mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo, degli eventi e delle imprese creative. Per il capogruppo Dem “è da questi settori che può ripartire il vero rilancio dell’Umbria”.

 

(UNWEB) Perugia,  - “ Il mondo della cultura e dell'impresa creativa merita di essere maggiormente ascoltato e, soprattutto, coinvolto all’interno di un percorso di confronto e collaborazione di tutte le istituzioni locali, a partire dalla Regione”, lo scrive, in una lettera inviata alla presidente della Terza Commissione, Eleonora Pace, il capogruppo del Partito democratico, Tommaso Bori auspicando che “a fronte di un ritrovato dialogo sul futuro dell’Umbria culturale e creativa, possano essere attivati tutti gli interventi e gli investimenti necessari al rilancio di questo settore e alla valorizzazione dei tanti professionisti che ne sono la vera risorsa”.

"Date le particolari criticità emerse in questo periodo - aggiunge Bori - invito la presidente Pace a procedere con una prima audizione in cui prestare attenzione alle istanze dei rappresentanti del coordinamento Attrici-Attori-Danzatrici-Danzatori-Umbri (AADDU), Uniti e l'associazione Mestieri del Cinema Umbro, per approfondire le tematiche affrontate nel loro manifesto, recentemente portato all’attenzione delle istituzioni e dei media, in cui hanno descritto e denunciato la difficile situazione che si trovano a vivere in questa fase emergenziale”.

“Mi auguro che questa prima audizione – sottolinea il capogruppo Dem - sia l’inizio di una serie di confronti aperti e partecipati affinché la Regione raccolga le istanze e le proposte dei protagonisti e dei rappresentanti del mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo, degli eventi e delle imprese creative, perché – conclude Bori -, è da questi settori che può ripartire il vero rilancio dell’Umbria, sia dal punto di vista della sua immagine nel mondo, anche attraverso una Film Commission potenziata e rinnovata nella mission e nella governance, che sotto il profilo turistico-ricettivo”.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information