foto Presidente 3(UNWEB) – Perugia – “Apriamo oggi a Villa Umbra, con soddisfazione, un percorso di alta formazione molto importante in ambito sanitario. La sanità rappresenta oggi la sfida delle sfide da gestire in un contesto pandemico complesso, aggravato per l’Umbria dalla crisi economica di lungo corso e da quella post terremoto”. Lo ha dichiarato la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, presidente del Consorzio Scuola umbra di pubblica amministrazione, intervenuta a Villa Umbra all’apertura del Corso di formazione manageriale per Direttori sanitari ed amministrativi di Azienda sanitaria, promosso dalla Regione Umbria e organizzato dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica.

“È nostro dovere – ha detto la Presidente - costruire un sistema sanitario sempre più efficiente, in grado di rispondere a bisogni di salute attuali e futuri crescenti. Nel perseguire tale risultato, la formazione rappresenta una leva fondamentale e Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica un alleato strategico. Ho avuto modo di incontrare in diverse occasioni l’Amministratore Magarini con cui stiamo condividendo e sviluppando progetti interessanti per implementare l’offerta formativa rivolta alla Pubblica Amministrazione”.

A dare il benvenuto ai partecipanti Marco Magarini Montenero, amministratore unico della Scuola, che ha sottolineato la ratio del percorso di alta formazione “finalizzato a consolidare le competenze organizzativo-gestionali del management sanitario regionale per poter rispondere sempre più tempestivamente ed efficacemente ai bisogni di salute, acuiti dall’attuale emergenza pandemica”.

I lavori sono stati aperti da Claudio Dario, Direttore regionale Salute e Welfare. “La sanità – ha affermato – è in primo luogo informazione e comunicazione. È interazione tra una molteplicità di soggetti specializzati che operano in reparti differenti e si confrontano non soltanto con i pazienti ma anche con i loro familiari e ‘caregiver’. La gestione dell’emergenza da coronavirus ci ha insegnato ad essere ancor più pragmatici, a superare le distanze fisiche e ci ha ricordato il valore del lavoro multidisciplinare e dell’assistenza territoriale di prossimità. La sanità prossima futura – ha detto ancora - avrà strutture sempre più a rete, meno gerarchizzate, dove concentrare competenze specializzate ed elevate tecnologie. Sarà una sanità soft, capace di presidiare il territorio grazie anche alla telemedicina”.

Il corso si articolerà tra settembre e ottobre in 4 macro-aree didattiche, più un’area specialistica differenziata per il profilo amministrativo e sanitario. I partecipanti dovranno, infine, realizzare un project work. Previste 136 ore di formazione.


 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information