Coletto(UNWEB) – Perugia - Nell’ambito della programmazione dei fondi strutturali FSE 2014-2020, la Regione Umbria ha avviato un proprio percorso per l’attuazione di politiche volte ad incentivare pratiche di innovazione: lo rende noto l’assessore regionale alla Salute e al Welfare, Luca Coletto, spiegando che “in questo contesto, la ‘Scuola di innovazione sociale’ rappresenta un’iniziativa di sistema volta ad accompagnare proprio i processi di innovazione sociale sui territori”.

“Nell’ambito di questa azione, in collaborazione con la Scuola umbra di amministrazione pubblica, riparte l’attività denominata ‘Ri-orientare l’azione regionale nelle politiche sociali’ – spiega Coletto - finalizzata a dare un nuovo orientamento alla programmazione sociale della Regione, attraverso la condivisione tra l’amministrazione e la realtà del Terzo settore di un metodo di costruzione delle politiche sociali che parta da una visione ‘di sistema’. A maggior ragione dopo l’emergenza Covid-19, la risposta alle principali sfide che il sistema di interventi sociali dovrà affrontare – aggiunge - richiede al settore pubblico la capacità di entrare in dialogo con il Terzo settore e con tutti gli altri attori territoriali per realizzare insieme risposte efficaci”.

Il cardine dell’azione quindi, sta nell’elaborazione e implementazione di interventi normativi e percorsi operativi e nell’individuazione di metodi e strumenti condivisi: “Non si tratta semplicemente di mettere a disposizione degli spazi e momenti formativi, bensì di costruire veri e propri laboratori di sussidiarietà – ha precisato – stabilendo quindi, un nuovo rapporto tra pubblica amministrazione ed enti del terzo settore come declinati dagli articoli 55-57 del Codice del terzo settore”.

“L’azione regionale – conclude - si inserisce nel percorso nazionale che il Ministero del lavoro e delle politiche sociali ha iniziato in questi mesi sul tema dei rapporti collaborativi con gli enti del terzo settore. Come Regione quindi, potremo essere interlocutore attento e consapevole e dare il nostro apporto costruttivo alla definizione di questo modello collaborativo”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information