11beato(UNWEB) GUALDO TADINO – "Il Beato Angelo ci ricorda che per noi cristiani il senso profondo della vita è Colui che ci ama, ci protegge, ci ha creato, ci accompagna e ci aspetta".

Lo ha detto il vescovo della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino, venerdì 15 gennaio durante la solenne concelebrazione eucaristica nella concattedrale di San Benedetto a Gualdo Tadino in occasione della solennità del Beato Angelo, compatrono della diocesi, alla presenza delle autorità civili e militari e nel rispetto delle normative anti-Covid19.

Il vescovo all'inizio dell'omelia si è soffermato su un passaggio del Vangelo di Matteo: 'Venite a me voi tutti che siete affaticati e oppressi e io vi darò ristoro'. "Come risulta dolce ai nostri orecchi questa Parola di Gesù – ha sottolineato - in un momento in cui ci sentiamo davvero affaticati e oppressi. Questa lunga storia di pandemia che ci sta mettendo tutti alle corde, in questo territorio giunge dopo un'altra lunga storia di sofferenze sociali a causa della mancanza di lavoro ed altro è davvero qualcosa che su ciascuno di noi può costituire un macigno che ci fa sentire davvero oppressi incapaci di difenderci e di camminare. Il Beato Angelo – ha aggiunto il vescovo - è andato da Gesù per trovare il mistero, il senso della sua vita, la gioia di vivere, il suo futuro. La sua è stata la scelta vincente che ancora oggi ci convoca qui per una riflessione. Una riflessione adatta alle condizioni che stiamo vivendo in questo periodo. Dal nostro Beato – ha proseguito - possiamo apprendere come rendere questa vita una vita significativa. Mettendosi a vivere da solo in eremitaggio, pieno della presenza di Dio, il Beato Angelo fa i conti fino in fondo con sé stesso con il senso della vita. In questo periodo siamo costretti a porci tanti perché, a riflettere. Siamo sempre di corsa, siamo travolti dalle parole che vengono dagli altri da non avere più il tempo e la voglia di riflettere, di porci i problemi essenziali della vita, quelli del senso della vita. Il Beato Angelo ci ricorda che per noi cristiani questo senso si è svelato".

Al termine della celebrazione eucaristica all'interno della cattedrale è seguita la cerimonia di consegna del Premio Beato Angelo 2021 che è stato assegnato a tutto il personale del Distretto Sanitario locale, avamposto fondamentale della lotta al Covid-19.

Nel pomeriggio, alle ore 16,30, si svolgerà la funzione del transito, alle ore 17,30 la celebrazione dei vespri e alle ore 18 la celebrazione eucaristica. Anche domani 15 gennaio la Basilica concattedrale rimarrà aperta fino alle ore 20. Sabato 16 gennaio alle ore 18 Ufficio delle sante messe per i soci vivi e defunti della Pia Associazione del Beato Angelo.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information