12 maggio Infermieri1(UNWEB) Perugia. Si è svolto, questa mattina, nella sala dei Notari di Perugia l’incontro organizzato da O.P.I. Perugia, Ordine delle Professioni Infermieristiche di Perugia, in occa-sione la Giornata Internazionale dell’Infermiere, celebrata in tutto il mondo il 12 maggio, in ricordo della 12 maggio 1820, data di nascita di Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. Una giornata che ha l’obiettivo di sottolineare l’impegno dell’infermiere sui temi della solidarietà e dell’alleanza con i pazienti e le loro famiglie, che sono stati al centro della professione soprattutto in questo periodo di pandemia.


All’incontro, presieduto dal Presidente O.P.I. Perugia Nicola Volpi, hanno preso parte, tra gli altri, il Sindaco di Perugia Andrea Romizi e l’Assessore alla Cultura del Comune di Pe-rugia Leonardo Varasano.
“Questa giornata si riallaccia alla storia di una donna che ha saputo vedere lungo -ha detto il Sindaco Romizi, in riferimento alla stessa Nightingale- ma anche alla storia cittadina, quella degli infermieri a Perugia. Una storia, quest’ultima, che andrebbe recuperata e restituita alla cittadinanza per comprendere meglio non solo quello che fate oggi, ma anche tutto quello che è stato fatto in passato, per arrivare fino a qui. Per comprendere come la professione di infermiere si è evoluta, grazie anche alle scoperte scientifiche, alle innovazioni tecnologiche, ad una nuova concezione di assistenza e, non ultima, alla fondamentale attività di formazione. Tutto ciò -ha proseguito- ci rende ancora più consapevoli dell’importanza che la professione infermieristica ha assunto nell’ultimo secolo. E a questo -ha concluso Romizi- si deve aggiungere il doveroso ringraziamento a tutti gli infermieri per quanto hanno fatto nell’ultimo anno di emergenza sanitaria, non solo per le straordinarie competenze che hanno saputo mettere in campo, ma anche per l’umanità dimostrata, con cui talvolta hanno dovuto sostituirsi alle famiglie e alle istituzioni.”
Il Primo cittadino ha concluso, quindi, con l’augurio ai partecipanti di una buona giornata di festa, di approfondimento e di informazione alla cittadinanza, sottolineando l’utilità della mostra fotografica organizzata dallo stesso Ordine e realizzata dagli stessi professionisti, “che -ha detto Romizi- con le sue immagini, a volte anche forti, sa testimoniare, meglio di tante parole, che cosa significa essere infermiere.”
“Vi chiamiamo eroi -ha aggiunto, nel suo intervento, l’assessore Varasano- con un appellativo che attiene all’eccezionalità, che è emozionale. Poi però, nel quotidiano, ce ne dimentichiamo. Il significato di questa giornata è, piuttosto, quello di potervi ringraziare per ciò che fate ogni giorno, per l’ordinario, per il vostro essere “costruttori del bene comune”. La vostra -ha aggiunto- è una vocazione e si dovrebbe avere considerazione per la professione infermieristica ogni giorno.” Varasano ha concluso citando “Un cuore solo”, la mostra dell’artista Adele Lo Feudo allestita lo scorso anno in collaborazione proprio con l’assessorato alla Cultura del Comune e dedicata agli infermieri, perché, come ha scritto la stessa artista, “gli infermieri sono un cuore solo tra di loro e con i pazienti che accudiscono.”

12 maggio Infermieri1

12 maggio Infermieri3


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information