sindaco Chiodini Capitan CaneschiMari Franceschini, Anpi: "Questi uomini ci ricordano la necessità di difendere i valori per cui hanno perso la vita"

(UNWEB) MAGIONE  – Istituzioni e cittadini hanno reso omaggio al Monumento ai caduti di Montebuono eretto in memoria degli dell'agguato nazifascista in cui, l'8 giugno del 1944, persero la vita undici cittadini di Agello e altri tre furono feriti con la deposizione della corona di alloro.

Dopo i saluti del sindaco Giacomo Chiodini e la consueta benedizione fatta da padre Francesco Ciaffoloni che ogni anno in occasione dell'8 giugno celebra una messa nel ricordo dei contadini defunti, Vanni Ruggeri, storico e assessore alla cultura del Comune di Magione ha ricordato le vicende storiche che portarono al tragico epilogo. "L'atto compiuto dai contadini uccisi nell'agguato nazi-fascista di Montebuono "– ha affermato Ruggeri – è a pieno titolo collocato nell'ambito della grande storia della Resistenza."

"Questi morti ci chiedono di difendere quello per cui si sono sacrificati altrimenti le commemorazioni non servono a niente." Con queste parole la presidente dell'Associazione nazionale partigiani d'Italia (Anpi) provinciali, Mari Franceschini, ha evidenziato il ruolo che devono svolgere le commemorazioni: "un momento di ricordo ma anche di presa di consapevolezza per lottare contro chi opera per cancellare i diritti costituzionali nati dal sacrificio di queste persone." La presidente provinciale ha poi sottolineato il rischio dell'indifferenza o della scarsa attenzione verso fenomeni che portano in sé il ritorno a forme di fascismo, diverse nelle modalità di azione ma non per questo meno pericolose e verso cui serve la massima mobilitazione.

La cerimonia a cui insieme a tanti cittadini, giunta e consiglieri comunali, rappresentanti della proloco di Agello, sono intervenuti Simona Meloni, vicepresidente dell'assemblea legislativa dell'Umbria, il capitano Andrea Caneschi e il maresciallo Alessandro Scarchini per l'Arma dei Carabinieri, si è conclusa con il ricordo dei nomi dei caduti fatta dal primo cittadino.

Gli uccisi nell'azione di ritorsione contro l'atto di ribellione furono: Carlo Battigamba, Belfico Angelo, Burattini Sestilio, Fagioli Angelo, Fagioli Quartilio, Felicioni Renzo, Zetti Franco, Cipolloni Alfredo, Pedetti Gaetano, Mencaroni Sante, Renaglia Fernando.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information