Un momento della visita(UNWEB)  Perugia. “Un luogo capace di accogliere; uno spazio culturale dove la bellezza si impasta con l’umano; un’area archeologica da esplorare in un dialogo reciproco; un museo che favorisce l’integrazione sociale” c’è questo tra gli obiettivi della’“Isola di San Lorenzo”, gestita dalla “Genesi” Srl società benefit.

Obiettivi che si sono concretizzati nei primi giorni di novembre, spiega Maria Eletta Benedetti, storica dell’arte e operatrice della “Genesi”, quando sono stati accolti come visitatori alcuni membri dell’Associazione ‘Il Sole’, un'organizzazione socioculturale per ciechi e ipovedenti che ha lo scopo di proporre attività ludico-ricreative, volte a favorire la socializzazione e a promuovere una sana e corretta cultura dell’altro.

“Queste affermazioni – commenta Benedetti - non sono solo i ‘buoni propositi’ dell’‘Isola di San Lorenzo’ ma un progetto concreto e una realtà che, seppur a livello embrionale, comincia a mostrarsi come vita. Con i giovani operatori dell’“Isola” abbiamo pensato insieme a un percorso specifico per non vedenti alla Perugia Sotterranea. La visita guidata prevedeva l’esplorazione dell’area archeologica sia tramite un commento verbale sia con il contatto di quelle pietre secolari, che hanno narrato così la loro storia”.

Maria Eletta Benedetti accompagnando il gruppo ha condotto il racconto storico e archeologico accompagnando le mani dei visitatori che hanno avuto modo di toccare i reperti e quindi di “vedere” l’acropoli sotterranea di Perugia, dalla fondazione degli antichi templi alle urne cinerarie etrusche.

“L’emozione e la gratitudine – racconta Benedetti - sono state travolgenti. I partecipanti, voraci di informazioni e curiosi, sono rimasti piacevolmente colpiti da Perugia Sotterranea ma soprattutto dall’accoglienza ‘naturale e decorosa’ ricevuta nell’‘Isola’. L’approccio sensoriale è stato correlato a quello relazionale. L’esplorazione tattile si è dimostrata fondamentale e imprescindibile per una buona riuscita della visita ma è risultato evidente come non esaurisca un vero incontro all’insegna della bellezza. Di fronte alla sensazione di meraviglia ai piedi del grande muro di terrazzamento, innalzato a secco dagli etruschi, ha fatto da legante una cultura proiettata in maniera sincera verso il valore delle persone”.

Il più grande stupore e la più profonda commozione, aggiunge l’operatrice di Genesi, “sono stati vissuti dallo staff dell’‘Isola’ che, tra sorrisi e ringraziamenti, si è riscoperto riempito di silenzio all’ascolto di una bellezza che non è facile descrivere. All’‘Isola’ è accaduto Qualcosa di grande. Etruschi, storie, personalità, cultura, appartenenza, curiosità, rispetto, fermento, spiritualità si sono amalgamati, senza incespicare, e preannunciando la timida fragranza di un balsamo per l’anima per i visitatori e per gli stessi operatori dell’Isola”.

L’accoglienza della richiesta dell’Associazione ‘Il Sole’ è stato solo il primo passo di un viaggio indirizzato verso una maggiore accessibilità, che l’Isola ha in programma di ampliare. La “Genesi”, infatti, sta lavorando per inserire in maniera stabile un percorso rivolto al pubblico di non vedenti, ipovedenti che arricchirà anche l’esperienza di visita dei vedenti.

Grande soddisfazione per questo importante momento di inclusione è giunta dal Vescovo ausiliare di Perugia-Città della Pieve Mons. Marco Salvi, che credendo fortemente nella valenza pastorale dei beni culturali ha dato avvio, coinvolgendo specifiche professionalità del settore culturale, ad un serio rilancio del complesso dell’Isola di San Lorenzo

“Se c’è dialogo non c’è buio: questa è la consapevolezza raggiunta nell’Isola di San Lorenzo” commenta Alessandro Polidori, direttore dell’Ufficio Beni culturali della diocesi di Perugia - Città della Pieve.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information