274537847 256582993319829 1968168559569341546 n(UNWEB) –Perugia – "La cronaca locale e nazionale ci racconta ancora di episodi in cui il diritto di parcheggio riservato alle persone con disabilità viene ignorato. Non è un problema banale, ma un fatto di civiltà. Non possiamo rimanere inermi di fronte al non rispetto, non solo di normative, ma dei diritti dei cittadini a partire dall'eguaglianza": lo scrive Paola Fioroni, che per fare un' opera di sensibilizzazione e di controllo più attenta ha deciso, in qualità di Presidente dell'Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità, di "scrivere una lettera indirizzata a tutti i Comuni dell'Umbria per sollecitare gli amministratori ad un'attenzione maggiore riguardo il diritto alla mobilità delle persone disabili e a promuovere un'opera di consapevolezza e responsabilità nei confronti dei cittadini e di chi deve far rispettare normative e diritti".

"L'art 20 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità - afferma Fioroni - fa riferimento alla tutela del diritto alla mobilità personale e autonoma della persona disabile. Secondo il testo integrale delle audizioni sulla condizione delle persone disabili dell'Istat pubblicato il 24 marzo 2021, sono 3 milioni e 150 mila i disabili italiani. Questo significa che stiamo parlando di un 5,2 per cento della popolazione. L'accessibilità universale, il superamento delle barriere di ogni genere per raggiungere l'uguaglianza di tutti i cittadini nell' accedere a luoghi e risorse, - aggiunge - è dunque una sfida imponente che riguarda anche la mobilità pubblica e privata".

Concludendo la presidente dell'Osservatorio ricorda che "Per garantire una normale possibilità di spostamento, nonché una maggiore integrazione lavorativa e sociale, la normativa vigente, aderendo ai principi sanciti dalla Convenzione, prevede il parcheggio per persone disabili riservato a chi presenta una capacità di deambulazione ridotta e ai non vedenti, attraverso una specifica autorizzazione. Dai primi mesi del 2022 la sosta nei parcheggi contrassegnati dalle strisce blu è gratuita per le persone con disabilità, se i posti riservati sono esauriti. Il tagliando per utilizzare i parcheggi riservati viene rilasciato dal proprio Comune di residenza, dopo aver sostenuto un accertamento medico. Chi è privo di contrassegno sul veicolo, non può assolutamente parcheggiare in questi spazi riservati e può essere punibile con una sanzione che è addirittura raddoppiata nell'ultimo codice della strada".


stampaitalia 300x250