A rispondere in Consiglio comunale è stato l'assessore all'ambiente Otello Numerini: "Rispettato il dettato normativo"

(UNWEB)  Nella seduta del Consiglio del 18 gennaio, dedicata al Question Time, è stata trattata un’interrogazione della consigliera Francesca Tizi (M5s) relativa alla Giornata dell’albero (21 novembre).

Il 12 settembre 2022 – ha ricordato Tizi – con deliberazione del Consiglio comunale è stato approvato il Regolamento del Verde Urbano. L’art. 8, intitolato “Giornata dell’albero”, dispone testualmente: “Ai sensi della legge 10 del 14 gennaio 2013, la Repubblica Italiana riconosce il 21 novembre quale Giornata Nazionale dell’albero. Durante la giornata del 21 novembre il Comune di Perugia, per celebrare la Festa dell’albero, provvede alla messa a dimora di nuovi alberi presso uno o più aree verdi della città alla presenza degli studenti delle scuole di Perugia. Al fine di rafforzare la cultura del verde e diffondere la consapevolezza del valore del verde pubblico per costruire città più resilienti e inclusive, nello stesso periodo sono organizzati eventi di confronto sul tema del verde urbano. /Il Comune di Perugia aderisce anche alle giornate di Puliamo il mondo, alla giornata mondiale dell’acqua (22 marzo), alla giornata mondiale della terra (22 aprile) e alla giornata mondiale dell’ambiente (5 giugno) e favorisce le iniziative pubbliche volte alla valorizzazione dei beni paesaggistici”.

Una tale previsione – viene rimarcato nell’interrogazione – è molto importante perché rivolta soprattutto a giovani e giovanissimi che saranno i cittadini di domani. L’idea di fondo della disposizione regolamentare è, infatti, quella di far nascere nei più giovani una maggiore consapevolezza dell’ambiente, in un momento difficile come quello che a livello climatico stiamo affrontando. Educare i più giovani al rispetto dell’ambiente potrà di certo essere un buon segnale per farli diventare cittadini migliori. La giornata dell’albero è un importante evento di sensibilizzazione dei cittadini, soprattutto dei più giovani, alla lotta ai cambiamenti climatici e all’inquinamento.

Dal sito nel comune di Perugia – prosegue l’interrogazione – non risulta che durante la giornata del 21 novembre si sia provveduto ad organizzare eventi di confronto sul tema del verde urbano finalizzati a “rafforzare la cultura del verde e diffondere la consapevolezza del valore del verde pubblico per costruire città più resilienti e inclusive”, mentre poco risonanza mediatica hanno le manifestazioni di celebrazione della Festa dell’albero finalizzate alla messa a dimora di nuovi alberi presso uno o più aree verdi della città alla presenza degli studenti delle scuole di Perugia.

La consigliera ha quindi chiesto di sapere le ragioni della mancata piena attuazione dell’art. 8 del Regolamento del Verde e, soprattutto, del mancato il coinvolgimento delle scuole.

L’assessore all’ambiente Otello Numerini ha riferito, in risposta, che il Comune di Perugia, nella giornata dedicata alla festa dell’albero per il 2022 ha seguito quattro eventi. In un caso (a Ponte Felcino) l’assessore non ha partecipato in prima persona in quanto l’evento era contemporaneo a un altro. In tutti i casi c’è stato il coinvolgimento delle scuole.

A Cenerente, in particolare, è stata realizzata un’iniziativa con i Carabinieri del reparto biodiversità di Assisi. Oltre alla messa a dimora di alberi, l’assessorato e i Carabinieri hanno spiegato ai ragazzi del plesso scolastico locale l’importanza del verde. Altro evento interessante si è tenuto alla scuola Leonardo da Vinci di Elce: anche in tal caso, si è svolta la messa a dimora di alberi e i ragazzi si sono resi protagonisti con poesie e studi. Terzo evento importante, il convegno organizzato il 5 dicembre con l’Associazione per le malattie respiratorie, in cui si è sottolineata l’importanza del verde urbano e delle piante in particolare nella cura della salute respiratoria; è stata effettuata anche la messa a dimora di alberi al Chico Mendez. Il dettato del regolamento, secondo Numerini, è stato quindi rispettato. Il Comune, ad ogni modo, non può essere presente a tutte le iniziative concomitanti del 21 novembre.


Banner 300 250

Giornata Naz.le contro il bullismo1 page 0001