Tesei2302(UNWEB) L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha discusso, nella odierna seduta di question time, l’interrogazione a risposta immediata su “Prospettive e programmi per il rafforzamento e il rilancio della società di gestione aeroportuale dell’aeroporto internazionale San Francesco di Assisi (Sase spa)”, presentata dai consiglieri Paola Fioroni e Michele Pastorelli (Lega).

Illustrando l’atto ispettivo all’Aula di Palazzo Cesaroni, Fioroni ha spiegato che “è necessario conoscere le prospettive ed i programmi per il rafforzamento ed il rilancio della società di gestione aeroportuale dell’aeroporto internazionale San Francesco d’Assisi (Sase), anche ai fini della promozione e commercializzazione del ‘Brand Umbria’ in un’ottica di place branding che lo renda maggiormente visibile ed attrattivo a livello nazionale e internazionale. Vanno inoltre chiariti l’importo della perdita di bilancio di Sase per l’esercizio 2020 e l’impatto nel conto economico del credito Fly Volare. Riteniamo necessario conoscere le linee strategiche e lo status del Piano industriale preparato dall’organo amministrativo e presentato ai soci di Sase, con particolare riferimento al piano delle rotte previsto dal Piano stesso ed i collegamenti con l’Est Europa. Deve essere resa nota la sussistenza e l’eventuale importo, di un Fondo nazionale destinato alla compensazione dei danni subiti dalla società di gestione dell’aeroporto San Francesco d’Assisi a causa del Covid. Bisogna infine chiarire se tra i progetti del Recovery Plan c’è un collegamento veloce ferroviario tra l’aeroporto e le stazioni di Perugia e Foligno, in considerazione anche della trasformazione della Orte- Foligno-Falconara in una linea ad Alta Velocità, consentendo un rapido collegamento dell’aeroporto San Francesco d’Assisi con tutte le città d’Italia attraverso le dorsali adriatiche e tirreniche della TAV”.

La presidente della Giunta, Donatella Tesei, ha risposto che “la questione del rilancio dell’aeroporto rientra in un insieme di azioni per lo sviluppo economico della regione. Siamo convinti che il covid passerà – ha detto - e sarà fondamentale il lavoro che avremo già iniziato. L’aeroporto da solo può saturare la capacità turistica straniera, ma bisogna puntare a 500mila passeggeri. L’Aeroporto fa parte di una più complessa strategia di mobilità che stiamo portando avanti. Fin dall’insediamento penso al rilancio di uno scalo trovato già prima del covid in grande difficoltà, con poche destinazioni e partite impegnative da chiudere, come quella con Fly volare. Abbiamo ricostruito una forte unità della compagine sociale, composta da banche, Comuni di Perugia e Assisi, Confindustria, unitamente a un nuovo piano industriale per chiudere partite aperte e aumentare gli investimenti, con un nuovo piano delle rotte per arrivare ai 500mila passeggeri annui, sia rotte nazionali come Brindisi, Olbia, Catania, Lamezia Terme, poi internazionali come Londra, Bruxelles, Rotterdam, Vienna, Barcellona e Bucarest. Un progetto in sinergia con l’alta velocità dei treni. Ora occorre sanare le perdite del bilancio 2020 e dare gambe al nuovo piano industriale e delle rotte. Ripartiremo appena finita la pandemia. I soci dovranno contribuire a risanare con impegni pro quota, se non tutti lo facessero la Regione farà la sua parte, anche consentendo l’ingresso di un nuovo partner. Dopo tanti anni di colpevole disattenzione – ha concluso la presidente Tesei – è giunto il momento di crederci tutti, anche nell’ottica del nuovo quadro relativo ai trasporti e in considerazione delle risorse del Recovery Plan”.

Nella replica conclusiva, Paola Fioroni si è dichiarata “soddisfatta per la puntuale risposta su un tema strategico e per il percorso indicato per il rilancio, che dimostrano che una visione adesso c’è, mentre prima era mancata”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information