Giardino sensoriale 160 metri quadrati dove esplorare in sicurezza per acquisire abilità motorie, cognitive ed emotive

(UNWEB) MAGIONE   Proseguono i lavori per la realizzazione del giardino sensoriale dell'asilo nido comunale Paperino di Magione.

L'area di intervento è di circa 60 mq, un piccolo spazio verde nel quale saranno installati e creati oggetti e arredi che stimolino i cinque sensi.

In particolare verranno realizzati orti rialzati costruiti con telai in legno trattato interconnessi l'un l'altro a all'interno dei quali saranno messe a dimora piante tintorie utili alle attività di pittura con i fiori come lo zafferano, la robbia domestica dei tintori, il papavero comune; piante aromatiche come la salvia o il rosmarino e piccoli frutti come le fragole.

Piccoli sentieri realizzati con pachwork di materiali differenti consentiranno ai bambini di giocare e percepire sensazioni diverse e talvolta contrastanti come il liscio e il ruvido, il morbido e il duro, il tondo e lo spigoloso, attraverso l'installazione a terra di riquadri riempibili con materiali naturali quali paglia, sassi arrotondati di diverse pezzature, erba, pigne, sabbia.

Compongono inoltre lo spazio una rete essiccatrice a più livelli, un piccolo lavatoio in resina rivestito con materiale naturale; bacheche sensoriali e dei suoni che conterranno oggetti atti ad essere percossi e a generare suoni (barattoli di latta, canne di bambù, coperchi di pentole, sonagli, campanelli); una pergola in legno con pavimentazione antiurto sottostante per creare un angolo di raccoglimento e di ascolto, sulla quale far crescere uva fragola

Infine, sarà chiusa la scala di collegamento con il giardino pubblico e con il retro del fabbricato per migliorare la sicurezza.

"Il giardino sensoriale – spiega Robert Bonini della società cooperativa Polis e coordinatore pedagogico della struttura – è uno strumento educativo divertente e stimolante, che consente ai bambini di esplorare e conoscere con i propri sensi la natura. In questo ambiente di apprendimento sicuro e di grandi opportunità, i bambini si possono immergere nei profumi, nelle forme, nei suoni e nei colori delle piante e degli elementi naturali come l'acqua e la terra. Mentre si trovano in giardino sono incoraggiati a toccare, odorare, gustare, osservare, interagendo totalmente con l'ambiente che li circonda."

"Questi lavori, – spiega Eleonora Maghini assessore alle politiche scolastiche del comune di Magione – rientrano nelle migliorie proposte nella gara d'appalto indetta dal Comune e vinta dal raggruppamento temporaneo d'imprese tra Polis per il progetto e il coordinamento educativo, e Isola, per il servizio di cucina e ausiliario, cooperative già operanti all'interno del nido. Obiettivo dell'Amministrazione con questo intervento e con altri realizzati dal Comune stesso, è quello di rendere la struttura sempre più adeguata alle attività dei 54 bambini frequentanti".

Gli interventi sono stati progettati Martina Pedrazzoli, agronomo, e Serena Fabbretti, architetto (Aprus soc. coop) su elaborazione della proposta delle educatrici del nido che hanno predisposto una prima stesura progettuale del giardino, fondamentale per la comprensione della tematica e per la sua traduzione in termini tecnici ai fini della realizzazione.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information