locale2(UNWEB) Assisi. La giunta comunale ha approvato il bando per la concessione di 3 locali a giovani imprenditori che vogliono avviare un’attività artigianale nella zona di Santa Maria degli Angeli, precisamente in via Gabriele D’Annunzio, di fronte al teatro Lyrick. L’obiettivo dell’amministrazione è di favorire l’avviamento al lavoro di giovani/imprese specializzati nella produzione di beni e/o servizi.


All’interno di ciascun locale sarà possibile anche la vendita sul luogo dei prodotti realizzati o dei servizi offerti; è esclusa però ogni forma di commercializzazione di prodotti finiti acquistati presso altre aziende.
Ora vediamo i criteri previsti dal regolamento ad hoc. I locali sono concessi per attività imprenditoriale giovanile per un periodo massimo di 4 anni a un prezzo agevolato di €. 2.400,00/annui da versare trimestralmente 31 marzo, 30 giugno, 30 settembre, 31 dicembre più ulteriori quattro su specifica richiesta. a un prezzo di €. 3.600,00/annui da versare con le medesime modalità.
Al termine degli 8 anni complessivi la concessione potrà essere rinnovata su richiesta dell’interessato con applicazione di un canone commerciale.
Sarà cura del concessionario provvedere, a propria cura e spese, agli allacci e/o alle volture dei servizi di fornitura di acqua ed energia elettrica stipulando i relativi contratti a proprio nome e provvedendo al puntuale pagamento dei consumi. Sarà cura dello stesso concessionario provvedere alla manutenzione ordinaria dell’immobile e alla manutenzione ordinaria e straordinaria di tutti gli impianti; qualora, per necessità di produzione occorra modificare un impianto, il concessionario potrà farlo solamente in seguito all’autorizzazione rilasciata dall’Ufficio Tecnico Comunale.
L’individuazione dei soggetti a cui dare in concessione i locali avverrà mediante il bando pubblico di selezione delle domande.
Potranno partecipare alla selezione:
1. persone fisiche che intendono costituirsi in impresa singola o società in nome collettivo, al fine di avviare una propria attività in via principale ed esclusiva o soggetti che abbiano avviato una propria attività da meno di 36 mesi dal bando.
2. Le imprese giovanili da costituire ed iscrivere al Registro delle imprese entro 3 mesi dalla scadenza del termine per la presentazione della domanda. Per impresa giovanile s’intende l'impresa in cui la maggioranza delle quote è nella titolarità di giovani, oppure l'impresa cooperativa in cui la maggioranza dei soci è composta da giovani, l'impresa individuale il cui titolare è un giovane, nonché, nel caso della società di persone composta da due soci (nella quale almeno uno dei soci è giovane), la società in accomandita semplice il cui socio accomandatario è un giovane e la società in nome collettivo il cui socio giovane è anche il legale rappresentante della società. Per giovane si intende la persona fisica di età non superiore ai trentacinque anni, ossia colui/colei che non ha ancora compiuto 36 anni.
Le domande pervenute a seguito della pubblicazione del bando verranno esaminate da una commissione di 2 membri esperti e un segretario verbalizzante nominati dalla giunta comunale e presieduta dal dirigente dell’Ufficio patrimonio.

L’amministrazione si riserva la facoltà di revocare la concessione qualora si verifichi una delle seguenti ipotesi: 1. modifica dell’assetto societario e/o della produzione senza la preventiva autorizzazione del Comune; 2. commercio di prodotti non di produzione propria; 3. chiusura dell’attività per più di 30 giorni consecutivi; 4. uso improprio dei locali; 5. mancato pagamento del canone 6. mancata costituzione della Società o mancata iscrizione alla Camera di Commercio della ditta individuale con relativo inizio attività entro 90 gg dall’aggiudicazione.

“L’amministrazione comunale – ha spiegato il vice sindaco Valter Stoppini – ha deciso di concedere questi locali per venire incontro alle esigenze dei giovani. Ma oltre a incentivare l’imprenditoria giovanile, la giunta ha deciso di eliminare la riserva esclusiva dell’affidamento di detti locali qualora non ci saranno adesioni al bando così da mettere a disposizione i locali a un canone agevolato anche ad altre categorie di attività. Questo perché gli effetti della crisi economica, da ultimo anche in conseguenza della perdurante emergenza sanitaria Covid-19, ha inciso profondamente sulla realtà occupazionale del territorio comunale”.

STOPPINI ASSESSORE


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information