filastrocca4Sui due plessi importanti lavori di riqualificazione

 

(UNWEB) Perugia. Si è svolta nel corso della mattinata del 12 novembre l’inaugurazione della scuola dell’asilo “Filastrocca” e della scuola dell’infanzia “Santucci” in strada Pian della Genna dopo i lavori di risanamento conservativo, miglioramento sismico e adeguamento normativo.

Presenti il sindaco Andrea Romizi, il vice sindaco Gianluca Tuteri, i dirigenti Roberta Migliarini e Monia Benincasa, il dirigente scolastico Jacopo Tofanetti, la coordinatrice pedagogica Tiziana Mearelli, i rappresentanti delle ditte Regni-Caponi e Galliano che hanno eseguito i lavori.

La coordinatrice pedagogica Tiziana Mearelli ha sottolineato che le porte dell’asilo segnano il primo ingresso nella società dei piccoli; qui saranno stimolati a crescere ed a fare le loro esperienze incoraggiati dagli adulti che dovranno agire in sinergia. Per tali motivi ha auspicato una collaborazione aperta e sincera con le famiglie ed il territorio nell’interesse dei piccoli cui ha augurato di vivere uno accanto all’altro guardandosi negli occhi per scoprire ciò che di irripetibile hanno dentro.

L’intervento sul Centro infanzia di Pian della Genna – ha spiegato la dirigente dell’U.O. edilizia scolastica Monia Benincasa – ha coinvolto sia il nido comunale “Filastrocca” sia la scuola dell’infanzia statale “Santucci”, afferente al secondo circolo didattico.

L’attuazione dell’intervento ha comportato, per l’intera durata dei lavori, la delocalizzazione del nido comunale presso altra sede, mentre la scuola dell’infanzia ha convissuto con il cantiere.

I lavori, il cui progetto è stato condiviso dal Comune con lo studio Agathos, hanno avuto inizio nel mese di ottobre 2020 e a marzo 2021 si è conclusa la prima fase, con la scuola d’infanzia Santucci che ha ripreso le attività didattiche nei locali ristrutturati; la seconda fase, relativa ai locali del nido, si è conclusa ad agosto 2021.

L’intervento ha avuto un costo complessivo di € 696.887,47 (di cui € 446.887,47 a valere sul Fondo 0-6 del Ministero dell’Istruzione ed € 250.000,00 con mutuo cassa DD.PP.) ed ha riguardato le seguenti azioni:

-Il miglioramento sismico delle strutture;

-Il rifacimento di tutti gli impianti elettrici e termici, compresa la centrale termica;

-La posa in opera di nuovi infissi ad alte prestazioni termiche;

-Il rifacimento dei servizi igienici e l’ottimizzazione degli spazi interni;

-Il rifacimento di tutti i pavimenti e tinteggiature;

-Nuova illuminazione led.

Resta da attuare l’esecuzione del cappotto termico esterno, di cui è già pronto il progetto e che verrà finanziata accedendo ai fondi del conto termico: attuazione prevista per l’estate 2022.

Il vice sindaco Gianluca Tuteri ha espresso grande soddisfazione ogni qual volta l’Amministrazione pone attenzione alle strutture che riguardano la prima infanzia.

Si deve operare con passione ed impegno per far comprendere che la cura posta nei confronti di tale fascia di età è determinante per il futuro dei bambini. In ciò i numeri confortano l’impegno del Comune visto che Perugia si pone tra le città migliori in Italia per numero di posti a disposizione nelle scuole, per la qualità delle mense e degli educatori/educatrici. “Ora vogliamo continuare a lavorare per mantenere alti questi standard e, se possibile, migliorarli ancora”.

Il sindaco Andrea Romizi non ha nascosto l’emozione per l’inaugurazione di queste scuole, per ciò che rappresentano e per ciò che in esse si va a custodire.

“Tutti quei servizi di qualità di cui ha parlato il vice sindaco, infatti, devono essere contenuti in spazi adeguati. Per questo abbiamo iniziato, ormai dal 2015, a lavorare sul tema dell’edilizia scolastica, creando una tabella fatta di priorità di intervento che andiamo “spuntando” nel corso del tempo”. Il sindaco ha spiegato come molto sia stato fatto con tante riqualificazioni scolastiche, ma tanto ancora si farà perché molti altri lavori sono già stati finanziati. “La nostra ambizione è di rivedere tutta l’edilizia scolastica in considerazione delle precarie condizioni in cui versavano le scuole prima dell’avvio del nostro piano di interventi adottato nel 2015. Lo abbiamo voluto fortemente perché i plessi siano sempre un vanto per la città”. In conclusione Romizi ha rivolto un invito a tutti di avere cura degli spazi rinnovati cui si deve voler bene.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information