2022 1 1 presidentiRappresenterà oltre 20.000 sanitari umbri

(UNWEB) Perugia,  - Con la deliberazione di Giunta regionale n. 1329 del 22 dicembre 2021, è stata finalmente istituita la Consulta regionale delle professioni sanitarie e socio-sanitarie quale organismo di confronto e/o consultazione in materia sanitaria e di integrazione socio-sanitaria, senza scopi di lucro, di partito o di sindacato. E’ quanto comunicano con soddisfazione i presidenti degli ordini Verena De Angelis (Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Perugia), Giuseppe Donzelli (Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Terni), Sandro Bianchini (Veterinari di Perugia), Danilo Serva (Veterinari di Terni), Nicola Volpi (Infermieri di Perugia), Emanuela Ruffinelli (Infermieri di Terni), Nazzareno Cruciani (Ostetriche di Perugia), Maria Antonietta Bianco (Ostetriche di Terni), Filiberto Orlacchio (Farmacisti di Perugia), Andrea Carducci (Farmacisti di Terni), David Lazzari (Psicologi di Perugia e Terni), Federico Pompei (Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione di Perugia e Terni) e Stefania Papa, consigliera delegata Regione Umbria e Toscana Ordine Nazionale Biologi.

“Si tratta – affermano – di un traguardo storico e fondamentale, fortemente voluto da tutti i presidenti degli Ordini delle professioni sanitarie della nostra regione, che è risultato della condivisione unanime degli obiettivi e delle finalità̀ da parte di tutte le istituzioni politiche, che si sono unite per un significativo obiettivo comune. L’istituzione della Consulta permetterà̀ alle nostre istituzioni regionali di avere un organismo a proprio supporto, che sia composto dai rappresentanti degli oltre 20.000 professionisti sanitari quotidianamente al servizio del nostro sistema sanitario”.

“L’obiettivo ultimo della Consulta – concludono i presidenti – è la garanzia di un contributo tecnico ad ausilio delle scelte della Regione in ambito sanitario, tale da assicurare ai cittadini una qualità del servizio uniforme sul territorio regionale. Ciò sarà possibile grazie all’integrazione e alla virtuosa interdipendenza delle differenti figure e delle rispettive competenze distintive, valorizzando il ruolo ed il valore dei professionisti della nostra sanità, ma con il fine ultimo di tutelare la Salute dei nostri concittadini”.


Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information