polizia municipale terni 01 1(UNWEB) Terni. Ammonta a circa 4 milioni e 200 mila euro la somma che il Comune deve incassare per la riscossione coattiva di tutte le sanzioni amministrative del Codice della strada elevate dalla polizia locale del Comune di Terni che ancora non sono state riscosse.

Sono state infatti recapitate in questi giorni alcune comunicazioni ai cittadini interessati che dovranno provvedere al pagamento della sanzione entro i termini stabiliti.
Il primo affidamento fu demandato a Terni Reti nel 2017 che per tre anni ha gestito il servizio di riscossione coattiva delle sanzioni amministrative pecuniarie derivanti da violazioni accertate e non pagate nei termini di legge. Nel marzo 2021 Terni Reti ha comunicato al comune la volontà di non proseguire con le attività di riscossione e la stessa si era interrotta in quanto era subentrata una delibera del Consiglio dei Ministri, che il 31 gennaio 2020, aveva dichiarato lo stato di emergenza Covid 19 e che, «nell’ambito dei provvedimenti emanati a sostegno delle persone e delle imprese è stata prevista la sospensione delle attività di notifica delle cartelle esattoriali nonché di tutti gli altri atti inerenti la riscossione coattiva».
Successivamente il Comune ha ritenuto di dover provvedere, con sollecitudine, ad affidare le residue attività riguardanti il servizio di riscossione coattiva delle sanzioni amministrative pecuniarie relative agli anni 2014 e 2015, non pagate nei termini previsti alla Ica srl.
La nuova società incaricata si sta occupando di «rinotificare tutte le ingiunzioni temporaneamente ‘sospese’ in forza delle superiori normative ‘Covid’, ovvero procedere a solleciti, preavvisi di fermi amministrativi, fermi amministrativi, pignoramenti e quant’altro necessario al fine di assicurare tutte le utili procedure finalizzate all’incasso di quanto ancora a credito dell’Ente».
Le nuove notifiche recapitate ad alcuni cittadini stanno creando enormi disservizi per la mancata apertura dell’ufficio contravvenzioni della Polizia Locale in Via di Porta Spoletina, chiuso da tempo al pubblico con avviso ai cittadini di chiamare il numero 0744/59605 tutti i giorni feriali ad esclusione del sabato, con orario 11-13 e 17-19 su cui però emergono oggettive difficoltà in quanto molti cittadini non riescono ad avere udienza per telefono occupato o inattivo.
Un problema enorme che sta creando disagi importanti a chi semplicemente chiede di conoscere la sua situazione debitoria nei confronti del Comune e le motivazioni oggetto dei verbali notificati.


stampaitalia 300x250