Claudia Gerini Alvaro Moretti Manuela Cacciamani Chiara Sbarigia(UNWEB) Roma –  Si è tenuta oggi la conferenza stampa della Prima edizione del Tito Film Festival, il Festival della gratitudine che si terrà in Umbria, a Costacciaro (PG) il 16 e il 17 luglio. Sono intervenuti: il Presidente dell’Istituto Luce – Cinecittà, Chiara Sbarigia, la Founder di One More Pictures, Manuela Cacciamani, il Direttore Artistico del Festival, Emanuele Sabetta, il fotografo e regista Fabio Lovino, Il Sindaco di Costacciaro, Andrea Capponi, Il Presidente dell’Associazione Pro Costacciaro, Riccardo Conti e la Madrina dell’evento, Claudia Gerini. Ha moderato il giornalista Alvaro Moretti.

<<Siamo in una situazione di potenziale rilancio dopo la pandemia – sostiene Chiara Sbarigia, Presidente dell’Istituto Luce  Cinecittà - e siamo pronti a utilizzare tutti i mezzi a nostra disposizione non solo per fare degli interventi di ristrutturazione fisica ma anche per valorizzare la ricchezza delle risorse umane che fanno parte del successo di Cinecittà, oggi come allora>>.

La madrina del Festival sarà l’attrice Claudia Gerini: <<Sono davvero felice di essere la madrina del Tito Film Festival, il festival della gratitudine perché il Cinema è un mondo dove la riconoscenza può avere un valore cruciale – spiega - È un lavoro fatto di immagini, autori, maestranze e talento, ma anche di alleanze, solidarietà e famiglia. Questo è un modo per dire grazie a tutti coloro che, negli anni, mi hanno insegnato qualcosa, sostenuto e incoraggiato – conclude – Di Cinecittà serbo ricordi straordinari, un luogo incredibile e unico, è la fabbrica dei sogni>>

Manuela Cacciamani, Founder di One More Pictures, sostenitrice del festival racconta:  <<La mia storia familiare è intimamente intrecciata con quella di Cinecittà. Mio padre, nativo di Costacciaro, è stato fra coloro che, grazie all’aiuto di Tito Marconi, poté avere un’opportunità di lavorare a Cinecittà durante gli anni d’oro, a tu per tu con le più grandi star del cinema nazionale e internazionale. Ho quindi accolto con entusiasmo l’opportunità di organizzare, insieme ai ragazzi dell’Associazione Pro Costacciaro APS, un festival della gratitudine dedicato a questo importante imprenditore cinematografico del dopoguerra. Credo fortemente nel sentimento della gratitudine, perché non solo aiuta a creare legami autentici nel presente, ma è il cordone ombelicale attraverso il quale riconosciamo di essere debitori con chi ci ha preceduto, per poter guardare con maggiore fiducia al futuro>>

Il Direttore Artistico Emanuele Sabetta ha illustrato il programma fitto di eventi, talk, masterclass e mostre: <<Trasformeremo le vie del piccolo borgo di Costacciaro in una sorta di percorso immersivo negli anni più fulgidi di Cinecittà, per dare la sensazione, a chi entra nel paese, di poter vivere da vicino la magia del cinema. Abbiamo coinvolto diversi nomi importanti dell'industria cinematografica, attori, produttori e maestranze, che a diverso titolo daranno il loro contributo al Festival, chi facendo una masterclass, chi partecipando a un talk, chi assegnando quello che noi chiamiamo “Premio Gratitudine”, rivolto a particolari figure professionali che, in un modo o nell'altro, si sono distinte nel loro lavoro in campo cinematografico>>

Link alle foto dei relatori: https://we.tl/t-9ZK3ArVqyl

I Talk

Le interviste e i talk si terranno sul palco della piazza principale del borgo medioevale di Costacciaro, sotto alla Torre dell’Orologio, simbolo del luogo. Alcuni artisti premieranno le maestranze a cui devono gratitudine, incontrate nei luoghi storici del cinema e raccoglieranno aneddoti e testimonianze. Un omaggio dovuto ai protagonisti di una irripetibile e magnifica stagione cinematografica.

Venerdì 16 luglio

Palco Principale – Torre dell’Orologio

Ore 17,00

Cerimonia di apertura. Intervengono: l’attrice Claudia Gerini, la Founder di One More Pictures Manuela Cacciamani, il Sindaco di Costacciaro Andrea Capponi, Il Direttore Artistico Emanuele Sabetta e Il Presidente dell’Associazione Pro Costacciaro APS Riccardo Conti. L’attrice Claudia Gerini e il Sindaco di Costacciaro, Andrea Capponi assegnano il “Premio Gratitudine” a un rappresentante della famiglia di Tito Marconi. 

Modera la giornalista Ilaria Ravarino

Ore 17,45

“Le derive del mondo digitale”. Talk con l’attrice e influencer Jenny De Nucci e Lorenzo Giovenga, rispettivamente interprete e regista del cortometraggio “Happy Birthday”, presentato alla 76. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, che tratta il difficile tema degli Hikikomori.

Ore 18,30

Introduzione al film “Pinocchio” di Matteo Garrone, 01 Distribution. Talk con l’attrice Maria Pia Timo e il pluripremiato costumista Massimo Cantini Parrini, seguito dal videomessaggio del piccolo Pinocchio, il giovane attore Federico Ielapi. Modera la giornalista Ilaria Ravarino.

Ore 18,45

Assegnazione del "Premio Gratitudine" a Massimo Cantini Parrini, costumista candidato agli Oscar per "Pinocchio", vincitore di 6 David di Donatello e 4 Nastri d'Argento.

Ore 21,00

Talk “La gratitudine come pratica di vita”. Introducono Claudia Gerini e Manuela Cacciamani, Founder di One More Pictures. L’attrice Claudia Gerini assegna il “Premio Gratitudine” a Nando Cacciamani, Capo responsabile dell'Ufficio Vigilanza di Cinecittà per mezzo secolo e Fabio Capozzi, capo elettricista di tantissimi set. In Onda Videointervista a Nando Cacciamani. Manuela Cacciamani assegna il “Premio Gratitudine” al fotografo e regista Fabio Lovino.

Ore 22,00

“I Giovani a chi sono grati?” Talk con Jenny De Nucci e i giovani dell’Associazione Pro Costacciaro APS. Modera la giornalista Ilaria Ravarino

Ore 22,30

Introduzione alla proiezione del film “Ammore e malavita” dei Manetti Bros, 01 Distribution. Interviene: Claudia Gerini. Modera: Ilaria Ravarino

Sabato 17 luglio

Palco principale – Torre dell’Orologio

Ore 17,00

Introduzione alla proiezione del film “Bar Giuseppe”, regia di Giulio Base. Intervengono: Manuela Cacciamani, Founder di One More Pictures e il regista Giulio Base.

Presentazione della Masterclass “La scrittura invisibile: Le parole dietro le immagini”. Interviene il fumettista e curatore editoriale, tra gli altri, del celebre fumetto “Dylan Dog”, Roberto Recchioni.

Modera la giornalista Ilaria Ravarino.

Ore 19,00

Talk “Bar Giuseppe” con il regista Giulio Base e l’attore Nicola Nocella. Modera la giornalista Ilaria Ravarino.

Ore 21,00

Talk “Il cinema e il doppiaggio”, interviene l’attore e doppiatore Francesco Pannofino, voce cinematografica di Denzel Washington, George Clooney, Kurt Russell, Jean-Claude Van Damme e Wesley Snipes. Intervista della giornalista Ilaria Ravarino.

Ore 21,45

Giulio Base assegna il “Premio Gratitudine “al Direttore del Montaggio Claudio di Mauro.

Ore 22,00

Il Sottosegretario ai Beni Culturali, Sen. Lucia Borgonzoni assegna il “Premio Gratitudine” ad Enzo Sisti, storico produttore cinematografico di progetti internazionali come “La Passione di Cristo” diretto da Mel Gibson e “I due Papi”, regia di Fernando Meirelles con Anthony Hopkins e Jonathan Pryce.

Ore 22,30

Presentazione del libro “Un posto tutto mio” di Rocío Muñoz Morales. Sarà presente l’autrice e Manuela Cacciamani Founder di One More Pictures. Saranno assegnati due “Premi Gratitudine”: Rocío Muñoz Morales consegna il Premio a sua figlia e Manuela Cacciamani consegna il Premio a Luca Di Nardo, agente delle star.

Ore 23,00

Cerimonia di premiazione del Miglior corto under 35 per il contest lanciato da Rai Cinema. Intervengono: Carlo Rodomonti, Responsabile Marketing strategico e digital di Rai Cinema, Manuela Cacciamani, Founder di One More Pictures e il Sindaco di Costacciaro Andrea Capponi. Sarà trasmesso un videomessaggio dell’Amministratore Delegato di Rai Cinema, Dott. Paolo Del Brocco. Modera la giornalista Ilaria Ravarino.

Ore 23,20

Chiusura e saluto al pubblico con tutti gli ospiti intervenuti.

LE PROIEZIONI

16 luglio | 17 luglio

Torre dell’Orologio

Venerdì 16 luglio

Ore 18,50

PINOCCHIO

Introduce il film sul palco l’attrice Maria Pia Timo

Videomessaggio del piccolo Pinocchio, l’attore Federico Ielapi

Regia di Matteo Garrone, Paese: Italia/Francia, Anno: 2019, Durata: 120’ 

Distribuzione: 01 Distribution

Produzione: Archimede con Rai Cinema e Le Pacte, in associazione con Recorded Picture Company in associazione con Leone Film Group

Attori: Roberto Benigni, Federico Ielapi, Marine Vacth, Gigi Proietti, Rocco Papaleo, Massimo Ceccherini, Alida Calabria, Alessio Di Domenicantonio, Maria Pia Timo, Davide Marotta, Paolo Graziosi, Gianfranco Gallo, Massimiliano Gallo, Marcello Fonte, Teco Celio, Enzo Vetrano, Nino Scardina.

Sinossi

Pinocchio, il film diretto da Matteo Garrone, con Roberto Benigni nei panni di Geppetto, è una nuova versione cinematografica della celebre fiaba di Collodi. Molto fedele al romanzo per ragazzi, pubblicato la prima volta nel 1881, il film ripercorre la storia del burattino dal naso lungo, sin dalla sua nascita per mano di Geppetto che ne ha intagliato le fattezze. Un tronco di legno che diventa marionetta e che acquisisce capacità motorie e intellettive, come un qualsiasi bambino in carne e ossa: questo è Pinocchio, anche se la sua carne è la corteccia e le sue ossa sono segatura. Nonostante il suo corpo sia duro come la quercia e la sua testa ancor di più, Geppetto si affeziona a lui come se fosse un bimbo vero, un suo figlio.

Ma il burattino non è il bambino obbediente e studioso che il suo papà falegname sperava. Spinto da un'irrefrenabile curiosità, da un carattere birichino e talvolta ingenuo, Pinocchio si ritroverà spesso nei guai, mettendo in pericolo anche lo stesso Geppetto...

I personaggi e le creature fantastiche del film sono realizzati all'insegna di uno straordinario realismo, combinando trucco prostetico ed effetti digitali grazie al talento del due volte premio Oscar per il Miglior Trucco Mark Coulier e della VFX Supervisor Rachael Penfold.

Nel cast del film il giovane Federico Ielapi nei panni di Pinocchio e Gigi Proietti come Mangiafuoco. Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini interpretano, invece, il Gatto e la Volpe, la coppia truffaldina che deruba l'ingenuo burattino.

Ore 18,00

Happy Birthday

di Lorenzo Giovenga, Anno 2019, Produzione Italia (One More Pictures con Rai Cinema) Durata: 15’  

Interpreti: Jenny De Nucci, Fortunato Cerlino, Filippo Contri, Lorenzo Lazzarini, Achille Lauro

Sinossi

Quello di Sara non è un compleanno qualsiasi. La sua sembra una serata perfetta, in una villa tutta per lei, con giocolieri, pattinatrici, maghi e la sua band preferita. Ma qualcosa non la fa sentire a suo agio. E proprio quando la torta entra in sala, la festa svela la sua vera natura.

Il corto è stato presentato alla 76. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

Ore 22,30

Ammore e Malavita

Regia dei Manetti Bros, Anno 2017, Produzione Italia, 01 Distribution, Durata 133’

Interpreti: Carlo Buccirosso, Claudia Gerini, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Raiz, Franco Ricciardi, Antonio Buonomo

Sinossi

Due mondi distanti si incontrano nella pellicola partenopea di Marco e Antonio Manetti, Ammore e malavita. Ciro (Giampaolo Morelli) è un temuto killer di Napoli, una delle due "tigri" - accanto a Rosario (Raiz) - al servizio di don Vincenzo (Carlo Buccirosso) detto "o' re do pesce", e dell'astuta moglie donna Maria (Claudia Gerini). La giovane infermiera Fatima (Serena Rossi) è una ragazza onesta e sognatrice, finita per sbaglio in una situazione pericolosa. Ciro riceve l'incarico di sbarazzarsi di quella testimone indesiderata che "ha visto troppo", ma le cose non vanno come previsto. I due si trovano faccia a faccia, si riconoscono e riscoprono l'uno nell'altra, l'amore mai dimenticato della loro adolescenza. Per Ciro c'è una sola soluzione: tradire don Vincenzo e donna Maria e uccidere chi li vuole uccidere. Inizia così una lotta senza quartiere sullo sfondo degli gli splendidi scenari dei vicoli di Napoli e il mare del golfo. Tra musica e azione, amore e pallottole.

Sabato 17 Luglio

Ore 17,30  

Bar Giuseppe

di Giulio Base, Produzione Italia, Anno 2019, Durata: 95’  

Interpreti: Ivano Marescotti, Virginia Diop, Nicola Nocella, Teodosio Barresi, Ira Fronten, Emmanuel Dabone, Selene Caramazza, Michele Morrone, Vito Mancini

Sinossi

Giuseppe gestisce il bar e la stazione di servizio d'una zona rurale e rimane vedovo con due figli già adulti. Bikira è sbarcata da poco dall'Africa. Giuseppe la assume come cameriera. I due si innamorano creando grosso scandalo nel paese. E si sposano, nonostante il conflitto coi figli di lui.

Ore 22,20

Proiezione del cortometraggio vincitore del Contest lanciato da Rai Cinema “Miglior Corto Under 35”

Ore 23,30

I Predatori

di Pietro Castellitto, Produzione Italia, 01 Distribution, Anno 2020, Durata 109’

Interpreti: Massimo Popolizio, Manuela Mandracchia, Giorgio Montanini, Pietro Castellitto, Dario Cassini, Anita Caprioli, Marzia Ubaldi, Giulia Petrini, Liliana Fiorelli, Claudio Camilli, Nando Paone, Antonio Gerardi, Vinicio Marchioni

Sinossi

I predatori, film diretto da Pietro Castellitto, racconta la storia di due famiglie, i Pavone e i Vismara, molto diverse fra loro sia nella scala sociale che nella vita: intellettuale, ricchi, borghesi i primi; proletari, fascisti e incolti i secondi. Nonostante la loro estrema diversità, qualcosa li accomuna e non è soltanto la caotica Roma in cui vivono.

Un semplice incidente e un torto subito porteranno le realtà dei Pavone e dei Vismara a scontrarsi. Motore di questa collisione è un 25enne, che mostrerà come gli esponenti delle due famiglie custodiscano gelosamente ognuno un proprio segreto, rivelando come spesso l'apparenza inganni, perché in fondo non ci sono vittime, ma solo predatori.

GLI EVENTI AL PALAZZO DUCALE

La Mostra Fotografica (16 e 17 luglio)

“Cinecittà, oltre lo sguardo” del fotografo e regista Fabio Lovino

Il maestro del ritratto di fama internazionale presenterà gli scatti ad attori e registi italiani e internazionali. Alcuni di essi sono già stati ammirati sulle cover delle riviste più importanti, altri sono inediti, frutto di una ricerca accurata negli archivi fotografici di Lovino. Una sezione della Mostra sarà dedicata ai set storici di Cinecittà.

La Masterclass

"La scrittura invisibile: le parole dietro alle immagini" – Relatore Roberto Recchioni, fumettista e curatore editoriale, tra gli altri, del celebre fumetto “Dylan Dog”. – Durata 120’

Nella Masterclass si illustrerà l’importanza delle immagini e il modo possibile di raccontare senza usare le parole.

VR STATION

Nella splendida terrazza alle spalle del Monumento ai Caduti, verrà allestita una postazione VR con 20 visori, per far immergere gli Ospiti del Festival in fantastici contenuti in Virtual Reality.

I 10 cortometraggi finalisti del Contest di Rai Cinema Channel “Miglior Corto Under 35”

Il Tito Film Festival prevede l’assegnazione del Premio Rai Cinema Channel al miglior corto Under 35 che sarà consegnato al progetto vincitore, per il valore di tremila euro. Il riconoscimento vuole premiare l’efficacia di un racconto che ben si presti ad essere diffuso sui canali web. Il premio consiste in un contratto di acquisto per tre anni dei diritti web e free tv del corto, da parte di Rai Cinema e godrà della visibilità su www.raicinemachannel.it, sui suoi siti partner e, a discrezione dei responsabili delle Reti, sui canali Rai. Hanno concorso al Premio circa 150 progetti ed ecco i titoli dei 10 finalisti:

In una grigia e sporca stanza di Marco Pozzato

Per saldare un debito con un boss locale, Mario dovrà far prostituire sua sorella minore, Lulù. Il giovane, disperato, acconsente ma subito i sensi di colpa lo dilaniano, spingendolo ad un gesto estremo per salvare l'unica persona che ancora gli vuole bene, prima che sia troppo tardi

I am afraid to forget your face di Alaa Sameh (Vincitore Festival di Cannes 2021)

Dopo 82 giorni, passati lontano dalla sua amata, Adam è pronto a tutto pur di affrontare la distanza che li separa.

Shero di Claudio Casale

Shabnam ha subìto un attacco con l’acido quando era adolescente. Oggi è una Shero, un’attivista indiana per i diritti delle donne che cresce sua figlia insegnandole il valore della bellezza e della forza femminile, al di là delle convenzioni sociali.

E vissero di Aldo Verde

“E Vissero” è un corto colorato nelle immagini e nel linguaggio che cerca un dialogo irriverente con

lo spettatore ponendo delle domande scomode in maniera buffa e pazzerella. Racconta una

conversazione frizzante tra due ragazzi, Felice (21) e Contento (23), mentre esplorano i temi di

pregiudizio, libertà e feticismo.

Il Capolavoro di Stefano Moscone

Italia, periodo indefinito tra gli anni 70 e 90. Francesco, artista tuttofare, ha finito il suo capolavoro: un ritratto di nudo di Paola, la sua compagna. Estasiato e radiante, le mostra l'opera e la ragazza condivide la sua felicità e il suo entusiasmo per il quadro realizzato. Tuttavia, appena Francesco le svela che l'opera è stata selezionata da un gallerista e verrà quindi esposta, la situazione cambia...

Per non sparire lentamente di Simone Fiorentino e Francesco Di Benedetto

Sono tempi un po' duri per Fabio, giovane musicista romano e per le persone attorno a lui. Tutto sembra sospeso mentre tutti lottano per tenere a galla i propri sogni, desideri, relazioni e soliti problemi. Qualcuno, però, riesce a ricordargli il valore delle cose che ama di più.

Papà uccidi il mostro di Fabio Vasco

Un uomo solo, in una casa vuota e dall'atmosfera sospesa, come in attesa di qualcosa, comunica col figlio malato, perso in un lontano lettino d'ospedale. Dietro i vetri delle finestre, nuvole gravide di pioggia si confondono col grigio plumbeo dell'Italsider di Taranto, madre assassina e Medea d'acciaio. Sul letto una valigia, per una partenza imminente. O forse no.

Un oggi alla volta di Nicola Conversa

La vita di Luna, giovane 28 enne impegnata come guida in un museo viene sconvolta dall’arrivo in casa a sorpresa di Fabio, suo fratello portatore della sindrome di down. Quest’ultimo, in seguito alla morte dei genitori ha deciso che sarà Sua sorella Luna la sua tutrice. I due non hanno un grande rapporto. La ragazza inoltre, oltre ad un coinquilino sopra le righe, nasconde un segreto: assuefatta dal suo ragazzo, si sta facendo convincere a donare il suo corpo in cambio di soldi. Fabio come una bomba a mano cambierà il destino di sua sorella ed anche il suo.

Correre di Nicholas Bertini

Non si direbbe, ma ci vuole una bella mano ferma per eseguire una corsa fatta bene. Basta qualche piccola dimenticanza o una stesura frettolosa che il correre diventa incerto o addirittura incompiuto.

Correre non è solamente un’azione ma è anche – e soprattutto – una parola. E per funzionare come tale deve essere scritta bene. La grafia, le lettere, il corsivo o lo stampatello sono elementi caratterizzanti dello stile di una corsa. A dire il vero nessuno viene obbligato ad avere una buona grafia, ma forse è l’unico modo

per non inciampare sulle proprie parole.

Ed è subito sera di Lorenzo Maugeri

Un Padre e un Figlio seduti a cena discutono di diverse questioni: gusti, timori e aspettative in un giorno sempre diverso e sempre uguale. Il tempo non è scandito da niente se non dal cibo, primo e unico elemento di contatto fra i due mentre la loro incomunicabilità svuota tutti i discorsi di profondità e senso.

Si passa dalle questioni più serie, come il divorzio, di fronte al quale nessuno sembra comunicare davvero quello che prova, a semplici scambi di battute riguardo cinema, musica e attualità; interessi questi che sembrano non influenzare assolutamente il rapporto, né in positivo né in negativo, fino a quando non si giunge alla domanda fondamentale: “Qual è la cosa veramente importante nella vita?”. In definitiva, “Ed è subito sera” è un rapido spaccato di un rapporto Padre-Figlio che non matura, non arricchisce e non sboccia; una relazione che vuole essere un paradigma tagliente all’interno di una società in cui non è più il Padre ad aspettare il figlio per cena e il Figlio a vedere il Padre come guida; una società nella quale la non-scelta appiattisce l’identità di ciascuno, rendendolo uguale a chi lo ha preceduto. Una storia il cui senso richiama (e in piccolissima parte va oltre) l’intramontabile componimento omonimo del poeta siciliano Salvatore Quasimodo, che in ultima analisi ci offre la vera chiave di lettura del racconto.

Manuela Cacciamani Claudia Gerini Chiara Sbarigia

Riccardo Conti Fabio Lovino Claudia Gerini EMANUELE SABETTA Andrea Capponi

Manifesto Tito Film Festival 3

 

 


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information