Assemblea Confagricoltura Giansanti e Rossi(UNWEB) PERUGIA – La Giunta esecutiva di Confagricoltura Umbria è stata confermata per il secondo mandato, di 4 anni, durante l'assemblea generale ordinaria dei soci che si è tenuta giovedì 1 luglio, nella sede regionale dell'organizzazione degli agricoltori a Ponte San Giovanni (Perugia).

I membri dell'esecutivo di Confagricoltura Umbria eletti sono: Fabio Rossi (presidente, confermato), Filippo Antonelli, Anna Grazia Boccali, Giacomo Iraci, Vincenzo Cecci, Anna Ciri e Rufo Ruffo, con questi ultimi tre confermati come vicepresidenti.

L'assemblea generale dei soci, nella sua parte pubblica, è stata poi caratterizzata dall'incontro dal titolo 'La nuova PAC per un'agricoltura strategica e sostenibile' - un tema quello della Politica agricola comune molto sentito - con l'intervento anche del presidente nazionale di Confagricoltura Massimiliano Giansanti.

"Il lavoro che abbiamo svolto negli ultimi tempi ha dato qualche risultato positivo a tutela dei trasferimenti alle imprese, ma non possiamo dirci soddisfatti per l'accordo raggiunto. Ci aspettavamo un Pac più ambiziosa, più economica, più orientata al mercato e alla tutela del reddito degli agricoltori" ha subito esordito Giansanti commentando la recente intesa raggiunta sulla riforma della Pac che è stata sottoposta ai ministri dell'agricoltura della UE nella sessione del 28 e 29 giugno scorsi.

"La Pac è nata sessanta anni fa con l'obiettivo di sostenere gli agricoltori a produrre per fornire ai cittadini cibo in quantità e sicurezza - ha ricordato Giansanti – e di fronte al progressivo aumento della popolazione mondiale l'obiettivo deve rimanere questo. Ma con le minori risorse previste (per l'agricoltura italiana la riduzione totale dei trasferimenti ammonta, fino al 2027, a 6,2 miliardi di euro, il 15% in meno sul periodo 2014-2020), sarà difficile per le imprese investire in capitale umano e innovazione, condizioni essenziali per produrre di più e meglio". E questo, per Giansanti, "riguarda anche le politiche ambientali, che sono necessarie, ma che richiedono altrettanti investimenti. Senza contare che saranno proprio le imprese più strutturate, più orientate al mercato, che operano nei settori chiave della nostra agricoltura, a subire i tagli più consistenti".

"Ci saranno meno risorse – ha poi ribadito il presidente Rossi – e quindi sarà più difficile per le imprese investire in innovazione e sul capitale umano. Anche l'Umbria ne avrà di meno e sarà quindi fondamentale puntare su aggregazione e filiere, sinergie e sostenibilità ambientale che deve andare però di pari passo con quella economica". Fondamentale per Rossi, pertanto, sarà "la collaborazione tra istituzioni, impresa e ricerca per trovare strumenti idonei per implementare le tecniche che hanno un minore impatto ambientale". "Ricerca e innovazione insomma – ha concluso Rossi – da misurare con l'effettiva sostenibilità economica oltre che ambientale".

Per quanto riguarda la condizionalità sociale, Confagricoltura non è contraria, ovviamente, al principio, ma avrebbe voluto che la partita sul lavoro fosse stata giocata su un terreno più ampio, che avesse contemplato l'armonizzazione del costo, delle regole e delle sanzioni a livello europeo.

"Credo che fare agricoltura sarà sempre più difficile – ha concluso Giansanti - ma al tempo stesso ho fiducia nella solidità del nostro sistema produttivo e nelle capacità dei nostri imprenditori. Adesso dobbiamo concentrarci sulla messa a punto del piano strategico che l'Italia dovrà sottoporre alla Commissione europea entro la fine dell'anno e che dovrà includere anche i programmi per lo sviluppo rurale finora rientranti nell'esclusiva competenza delle Regioni".


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information