Foto compressa copertina jpeg min(UNWEB) In campo due bandi molto importanti, uno regionale e uno nazionale, per spingere il settore turistico e gli altri ad esso collaterali ristorazione, ottimi numeri assoluti ma ricavi e utili in flessione

“Ad agosto bene in Umbria ma senza raggiungere i risultati dell’anno record 2021. Ok il turismo verde, abbastanza bene quello lacuale. Se si guarda all’intero periodo turistico primavera-estate possiamo dirci soddisfatti”.
“Due bandi, uno regionale e uno nazionale, con importanti opportunità per le imprese ricettive, spingeranno il settore e tutte le numerose attività collaterali ad esso”.
“La ristorazione fa ottimi numeri ma registra ricavi e utili più bassi sia perché la capacità media di spesa è diminuita, sia per la corsa di costi energetici e non solo, triplicati quando non quadruplicati, diventando ormai insostenibili per le imprese e per i fruitori del servizio”.

L’ANDAMENTO DEL TURISMO UMBRO
“Il turismo primaverile ed estivo in Umbria – afferma il Presidente dell’Ente Camerale, Giorgio Mencaroni, nel video ‘Il Punto del Presidente’, curato dall’Ufficio Stampa e Comunicazione dell’Ente Camerale - ad oggi è andato bene, quindi dobbiamo essere soddisfatti, anche se è chiaro che ad agosto 2022 non ripetiamo quello che è stato l’agosto eccezionale del 2021, quando superammo di slancio i livelli raggiunti nel 2019. Ad agosto di quest’anno, infatti, ritorniamo sui valori più tradizionali, ossia in linea con quelli del 2019. Questo ha una spiegazione: tradizionalmente l'Umbria, con le sue città con i suoi borghi, nel mese di agosto si presta meno di altri luoghi che hanno il mare o la montagna a marcare risultati eccezionali. Ma nella nostra regione ad agosto va bene il turismo verde, va abbastanza bene il turismo lacuale del Trasimeno e di Piediluco. Insomma, i risultati agostani per la nostra regione non sono quelli del 2021, ma sono sicuramente positivi”.
“L’alto tema, anch’esso legato al turismo, è quello della ristorazione, che lavora con ottimi numeri ma con ricavi più bassi, sia perché la capacità media di spesa è diminuita, sia per la corsa di costi energetici e non solo, triplicati quando non quadruplicati, diventando ormai insostenibili sia per le aziende che per i fruitori del servizio ristorazione”.
IN CAMPO DUE BANDI DI GRANDE IMPORTANZA
“Si è chiuso ‘Umbria Aperta’ – continua Mencaroni - uno dei bandi più importanti con fondi comunitari per il turismo nella nostra regione. Ha riguardato circa 220 aziende, un dato davvero notevole perché rappresenta circa il 40% del totale delle aziende alberghiere umbre. Un bando della portata di 23 milioni di euro, che oltre a permettere i lavori miglioramenti delle strutture costituisce un volano economico di notevole importanza per i vari settori. Da rilevare, e questo è un punto cruciale, che con ‘Umbria Aperta’ si è riusciti a finanziare tutte le domande presentate. Direi che si tratta di un risultato eccezionale”.
“In aggiunta – informa il Presidente del’Ente Camerale - in un recente colloquio con la Regione abbiamo parlato del bando nazionale, emanato dal Ministero sempre per le strutture ricettive, che offre notevoli opportunità per l’Umbria come per tutte le regioni italiane. Il problema è che, al momento, le risorse stanziate da questo bando nazionale non sono sufficienti a garantire la copertura delle domande di tutti i partecipanti. Ma il bando prevede la possibilità di compartecipazioni a livello regionale e quindi avere altri importanti risorse per spingere il turismo e tutti gli altri numerosi settori collaterali ad esso”.


 

Infografica turismo


stampaitalia 300x250