de luca thomas(UNWEB) “Rimuovere l'incandidabilità per i politici condannati prevista dalla Legge Severino e liberare dalla galera spacciatori e rapinatori. Ecco la priorità della Lega in Umbria. Visto che la raccolta firme per i sei referendum sulla giustizia, promossi dalla Lega e dai Radicali, non trova facili consensi, il partito che governa la regione sceglie la strada più facile per reintrodurre i condannati in via definitiva, ora interdetti dalla Legge Severino, all'interno della politica”. È quanto dichiara il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca che aggiunge: “e cosa fa la Lega? Ricorre alle Regioni ‘amiche’ e tra queste l'Umbria della presidente Donatella Tesei”.

“Infatti – osserva il capogruppo pentastellato - un referendum abrogativo può essere indetto quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. ‘Prima gli umbri’, dicevano in campagna elettorale. Adesso la priorità della Lega è usare questa regione per garantire la poltrona ai politici condannati, nonché impedire di arrestare spacciatori e delinquenti comuni, come tra l'altro ha sottolineato persino Giorgia Meloni che si è sfilata da questa battaglia. Un passo indietro nella lotta alla corruzione”.

Per De Luca, “è inaccettabile che mentre numerosi atti e proposte per il rilancio dell'Umbria giacciono da mesi nelle varie Commissioni, con un vero e proprio blitz si tenta di dare la via preferenziale ad un referendum che vuole reintrodurre i condannati in via definitiva in Parlamento e liberare le carceri da rapinatori e spacciatori”.

“Intanto – aggiunge il capogruppo del M5S - si continua a fare ostruzionismo su battaglie sacrosante come, ad esempio, il diritto all'eutanasia legale. La Lega vuole permettere ai politici condannati di potersi ricandidare, ma non permette alle persone di poter scegliere come morire. Posizioni che nulla hanno a che vedere con la libertà di scelta che, a suo uso e consumo, la destra sbandiera in modo falso e opportunistico quando si tratta di agitare il vessillo della propaganda”.

“Abolire incandidabilità, ineleggibilità e decadenza di chi è stato condannato. Vietando però ai malati terminali di morire degnamente. Per questo nelle prossime ore – annuncia e conclude De Luca - presenteremo un apposito atto per rimettere alla discussione dell'Assemblea legislativa anche la richiesta di referendum per l'eutanasia legale”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information