(UNWEB) “Preoccupano le notizie che stanno arrivando circa l’impossibilità per medici e infermieri umbri in pensione di prestare servizio nella nostra Regione”. È quanto dichiara il consigliere regionale Michele Bettarelli (Pd – vicepresidente Assemblea legislativa).

“Una notizia – continua Bettarelli - che, se confermata, mal si concilierebbe con il momento fortemente critico che la nostra Regione sta vivendo e che vede non solo la recrudescenza pandemica legata al dilagare della variante Omicron, che proprio oggi si attesta al 98%, ma soprattutto le difficoltà che sta riscontrando la campagna vaccinale. L’impossibilità di accedere alle prenotazioni per i grandi ma soprattutto per i più piccini, e i chilometri che sono costretti a percorrere i cittadini per l’inoculazione del siero, sono segni di una sofferenza ormai palese della macchina organizzativa regionale, dinanzi alla quale sembrerebbe incomprensibile il ‘no’ della Regione a medici ed infermieri in pensione che potrebbero fornire un contributo importante in termini di risorse umane e professionalità”.

“Per questo – conclude Bettarelli - ho presentato un accesso atti per avere contezza del numero di personale sanitario in quiescenza che è stato arruolato dal sistema sanitario regionale per far fronte all’emergenza pandemica e per chiedere dove questo sia stato dislocato”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information