Schermata 2021 02 27 alle 21.20.54(UNWEB) Caserta in pillole prima di Feralpisalò-Perugia

Perugia. Concentrati sul lavoro, non sulle chiacchiere

Questa settimana abbiamo  pensato  solo al nostro lavoro. Le parole intorno al calcio ce ne sono fin troppe, ma io già abbastanza da fare e pensare per il mio lavoro.

Kouan sta bene

Kouan sta meglio. Domenica aveva avuto un piccolo problema alla caviglia, è stato due giorni a riposo, poi ha fatto un buon allenamento  e ora sta bene.

Consapevoli delle difficoltà della partita

La squadra si è allenata bene, consapevole che sarà una partita difficile. Di questo ne siamo tutti consapevoli. Ma abbiamo cercato di fare una settimana di buon lavoro. Il  Feralpisalò lotta per un obiettivo importante, il quinto posto, e noi  dobbiamo preparare bene la gara, andare subito con la  testa e attenzione giusta, anche se queste partite si preparano da sole. Siamo consapevoli della  posta in palio.

Il Feralpisalò squadra propositiva

Il  Feralpisalò attacca e si lascia attaccare, è una squadra fisica, ben strutturata, che ama giocare a viso aperto senza aspettare l’avversario. Anche all’andata non hanno mai mollato. Sia come singoli che come collettivo, sono una squadra forte.

Scarsella fa molti gol, ma attenti un po a tutti i loro

Il Feralpisalò ha, tra gli altri,  Scasella, un centrocampista con 13 gol all’attivo, bravo negli inserimenti, per questo fa gol, e fa la differenza. E anche la squadra gioca per lui,  gli crea gli spazi. Dovremo quindi  stare attenti a Scarsella, ma un po’ a tutti i giocatori del Feralpisalò che come dicevo è una squadra propositiva, ben strutturata, gioca e non ha paura di prendere le ripartenze. Questa è la loro indole.

Concentrazione e lettura della partita

Dovremo concentrarci  sull’intera gara. Saranno 90′ di grande sacrificio,  lo sappiamo. Sarà una gara dove ci saranno momenti in cui spingere e altri in cui dovremo saper soffrire. Dobbiamo partire bene per noi stessi, entrare subito in partita, sempre concentrarti dall’iniziò e fino alla fine, perché si può segnare presto o al 90′. Bisognerà essere bravi a sfruttare gli episodi a nostro favore e limitare la pericolosità avversari, sarà fondamentale saper leggere i momenti e sapere cosa fare in ciascuna fase della partita. Anche anche sui calci piazzati.

Conterranno tutti gli aspetti. Più di tutti il gruppo

 

Conteranno tutti gli aspetti che sono ingredienti del calcio.  L’esperienza,  l’aspetto fisico e, soprattutto, quello mentale, cioè l’approccio è l’atteggiamento con cui scenderemo in campo. Servirà sia la  spensieratezza del giovane che pensa poco, sia l’esperienza dei più anziani.  Ci vorrà cuore, testa e attenzione e, più di tutto, conterà il gruppo, essere uniti, comportarsi da squadra. Perché un aiuto di un compagno al momento giusto, una corsa in più,  conta tantissimo. Comunque, ognuno di noi darà il massimo ne sono certo.

La squadra  è cresciuta

Il nostro  gruppo ha superato mille difficoltà, ma è un gruppo vero. I bilanci della stagione si fanno alla fine. La retrocessione dell’anno scorso ha portato scorie di amarezza e difficoltà, per cui non era facile  ripartire. La bravura  è stata quella di coinvolgere chi è arrivato e aveva vissuto una retrocessione che ha fatto male a tante persone, in primis ai giocatori che c’erano. Ma sono stati bravi, dopo Mantova, a capire la categoria, io ho visto  da allora una crescita giornaliera nel modo di pensare e di allenarsi. Di questo sono orgoglioso. Ne parlerò domani di bilanci, ma questo si può già dire  ora: siamo stati tutti bravi  a creare il gruppo. Ciò, aldilà del risultato di domani, che comunque  spero sarà una giornata allegra.

Dormo poco, come sempre

Prima di queste partite dormo sempre poco, ma questo mi succede sempre. Perché tanti sono gli aspetti da valutare. Da giocatore pensi a meno cose e poi scarichi tutto il giorno della gara. Da tecnico devi pensare a risolvere tanti aspetti.

I tifosi li abbiamo  sempre sentiti vicini

Abbiamo sempre  sentito la vicinanza dei tifosi, come avevamo sentito all’inizio il loto malumore, che era comprensibile. Ma sono stati bravi i ragazzi a invertire la rotta dopo l’inizio negativo.  La vicinanza c’è sempre stata e, ovviamente,  in questi momenti c’è ancora di più. La sentiamo, come sentiamo la tensione e la paura, che fa parte di questo mondo quando ci sono queste partite. Ed è anche un fattore positivo, che dobbiamo trasformare domani in energia positiva.

Daniele Orlandi – Agenzia Stampa Italia


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information