SET 8601esutlanzaTG(UNWEB) Perugia. È un altro Perugia quello che espugna il Curi e batte il Genoa grandi firme, ma dal gioco un po’ involuto, e si rilancia decisamente per la lotta alla salvezza.

Determinato, compatto, fisicamente al top, attento nella fase difensiva e sempre pronto con intraprendenza a provare l’offesa con ripartenze veloci alla Castori, ma anche con qualche manovra più ragionata palla a terra nella zona centrale del campo. Oggi per il Perugia ha girato tutto bene, ma è merito dei grifoni aver creduto nei propri mezzi dall’inizio alla fine. L’emblema di questa ritrovata autostima è stato il gol di Olivieri, che ha ricevuto da Kouan e si è preparato la conclusione con un gesto tecnico pregevole che solo chi è in fiducia può fare. Prima e dopo, una partita costruita sul gruppo, sull’uno per tutti e tutti per uno. Sul cuore e sul carattere, ma anche sugli equilibri tattici perfetti, con Kouan determinante nel legare i reparti a perdifiato e Santoro nel garantire un apporto costante in mezzo al campo. Sugli esterni, Paz è stato una diga difensiva, ma ha anche assicurato un contributo quasi da regista offensivo. E tutti hanno girato intorno a Bartolomei, sempre presente nel vivo dell’azione in entrambe le fasi. Il Perugia ha così potuto provare ad offendere con una certa continuità rispetto ad altre partite. E questo si è visto specie a inizio ripresa, quando il Grifo umbro ha creato tre limpide situazioni favorevoli non sfruttate al meglio da Kouan e Olivieri. Il Genoa non è stato a guardare, ma la diga perugina ha rintuzzato due occasioni capitare sui piedi del neo entrato Portanova. In questa fase decisiva il Perugia è sembrato più squadra, più convinto di poter vincere e la perla di Olivieri poco prima della mezz’ora ha avuto il sapore al tempo stesso di un sigillo sul match e di una svolta nel campionato della squadra di Castori. Ora si attendono indispensabili conferme nella trasferta di Cosenza, praticamente uno scontro diretto.

Daniele Orlandi – Agenzia Stampa Italia

Perugia: 1 Gori, 11 Olivieri (89′ Di Serio) , 15 Dell’Orco, 16 Bartolomei, 17 Paz (89′ Rosi) , 18 Di Carmine (80′ Melchiorri) , 21 Curado, 24 Casasola, 25 Santoro (80′ Iannoni), 28 Kouan (84′ Luperini) , 97 Sgarbi

A disp: 12 Furlan, 2 Rosi   , 4 Iannoni, 5 Angella, 6 Vulikic, 7 Vulic, 9 Melchiorri, 13 Luperini, 20 Di Serio , 23 Lisi, 33 Beghetto, 41 Strizzolo

Allenatore: Fabrizio Castori

Genoa: 1 Semper, 2 Sabelli (77′ Aramu) , 5 Dragusin , 8 Strootman, 9 Cosa, 13 Bani, 14 Vogliacco (88′ Ilsanker), 24 Jagiello (46′ Portanova), 32 Frenrup, 50 Yalcin (46′ Giudmundsso) , 57 Puscas (62′ Yeboah)

A disp: 22 Martinez, 82 Agostino, 10 Aramu, 11 Giudmundsson, 21 Yeboah, 27 Struaro, 31 Ilsanker, 36 Hefti, 90 Potanova, 99 Galdames

Allenatore: Alexander Blessin

Arbitro: Federico La Penna di Roma 1

Assistenti:  Filippo Meli di Parma e Francesca Di Monte di Chieti.

IV ufficiale:  Antonio Giua della sezione di Olbia.

Var:   Luigi Nasca di Bari

Avar:    Oreste Muto di Torre Annunziata.

Marcatori:  74′ Olivieri

Ammoniti: 76′ Olivieri, 77′ Strootman, 78′ Santoro 84′ Kouan

Recupero:    2  pt     5’+1′ st.  

Angoli:   7-9   

Spettatori:   Presenti 7925 spettatori di cui 1125 ospiti e 2764 abbonati.

Nota: Espulso al 34′ pt il team manager del Perugia Massimiliano Rossi per proteste.


Giornata Naz.le contro il bullismo1 page 0001