Fonte di San Francesco4 750x536Sindaco Romizi: "Con Art Bonus i perugini hanno centrato l'obiettivo e stanno dando l'esempio a livello nazionale"

 

(UNWEB) Perugia. La Fonte di San Francesco a Ponte San Giovanni è tornata a nuova vita grazie ad Art Bonus. L’inaugurazione del bene, vincitore del Concorso nazionale Art Bonus progetto dell’anno 2020, si è tenuta nella mattina di sabato 10 luglio alla presenza, tra gli altri, del Sindaco Andrea Romizi, dell’assessore Otello Numerini, della consigliera delegata Fotinì Giustozzi, del restauratore Francesco Rocchini e dei mecenati Cristina Dragoni, Palmerini Group e Associazione Pro Ponte, insieme ai tecnici e allo staff Art Bonus del Comune di Perugia. Presenti anche l’on. Emanuele Prisco, i consiglieri comunali Elena Ranfa e Paolo Befani,  il dirigente Emilio Buchicchio, oltre a molti cittadini di Ponte San Giovanni.

“Oggi festeggiamo non solo il recupero di questo importante bene culturale -ha sottolineato l’assessore Otello Numerini- ma anche la sua vittoria al concorso nazionale Art Bonus, in cui Perugia è arrivata ancora una volta prima, per la seconda volta in due anni. È, peraltro, una vittoria di tutta la città, -ha proseguito Numerini- ma dei ponteggiani in particolare, che hanno fortemente voluto candidare questo bene al concorso. I numeri di Art Bonus sono chiari: -ha concluso, ringraziando i mecenati e gli uffici- circa 2 milioni di euro raccolti, 508 mecenati, 17 beni recuperati e 9 in avvio. Un’attività, dunque, quella di Art Bonus che va avanti con grandi risultati.”

Soddisfazione è stata espressa anche dalla consigliera delegata Fotinì Giustozzi, che si è complimentata con l’amministrazione per il forte impegno e la lungimirante volontà nell’utilizzo dello strumento di Art Bonus fin dall’inizio e ha rinnovato la propria disponibilità a continuare a promuovere ulteriormente il mecenatismo in città.

In conclusione, anche il Sindaco Romizi ha voluto ringraziare i mecenati. “Ogni volta che andiamo a restituire un bene recuperato -ha detto- è sempre una grande emozione. Con Art Bonus i perugini hanno centrato l’obiettivo e stanno dando l’esempio a livello nazionale, tanto che ci stanno chiamando da tutta Italia per sapere come abbiamo fatto a coinvolgere la città con tanto entusiasmo e in maniera così diffusa. È bello anche scoprire i motivi che spingono i mecenati ad essere tali, -ha aggiunto- perché dietro a ogni recupero ci sono storie, ricordi, persone, legami intimi, che però sanno andare oltre, con l’obiettivo di custodire, recuperare e trasmettere questi beni e l’amore per essi alle nuove generazioni.”

La Fonte prende il nome dal Santo Patrono d’Italia che nel 1202, si narra, si fermò presso la fonte a dissetarsi e lavarsi le ferite prima di essere portato in catene al carcere di Perugia, dopo la battaglia di Collestrada.

Alimentata da una sorgente, una volta purissima e ricca di virtù salutari, proveniente dal soprastante Montevile che doveva far parte di un complesso termale romano, fu riadattata a pubblico lavatoio agli inizi del XX secolo, ma nel 1971 le fu restituito il vecchio splendore e la funzione di fonte nella parte anteriore lungo la strada e di vasca di accumulo a scopo irriguo nella parte posteriore e di lavatoio privato.

I lavori, per un importo complessivo di 15.150, 00 euro, sono stati diretti dall’Arch. del Comune Fabio Fantucci, con l’Arch. Stefano Barcaccia quale Responsabile Unico del procedimento. A realizzare l’intervento il restauratore Francesco Rocchini che ha provveduto a effettuare varie stuccature, un’operazione di pulitura con idrosabbiatura a base di bicarbonato e magnesio, un trattamento di arresto ossidazione di elementi in ferro, un trattamento finale protettivo impermeabile. Quindi è stato realizzato un nuovo impianto di illuminazione esterna.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information