confartigianato(UNWEB) Terni. "Confartigianato Terni esprime grande preoccupazione per il nuovo intervento che l’assessore alla Viabilità Leonardo Bordoni, con stile del tutto autoreferenziale e in completa assenza di concertazione, sta realizzando nel ramo superiore di Corso Vecchio.


L’intervento è sbagliato sotto diversi profili, ma per dimostrarne l’inaccettabilità basta soffermarsi sul fatto che intende trasformare una via storica particolarmente stretta, con pavimentazione pregiata, presenza di vetrine continue e senza marciapiedi proprio perché l’arredo è pensato per una area pedonale al pari di corso Tacito, in una via con parcheggi disegnati con segnaletica orizzontale.
Non intendiamo entrare nella diatriba tecnica della classificazione AP o ZTL secondo la normativa comunale che è del tutto poco interessante, perché gli atti normativi più o meno opportuni del Comune non possono snaturare la realtà della naturale vocazione della via che è, e resta, pedonale e commerciale.
Commercianti e artigiani di quel ramo di Corso Vecchio si aspettavano finalmente interventi di promozione dell’attitudine commerciale e si ritrovano con gli stalli lungo la via che impediscono il transito e oscurano le vetrine.
L’amministrazione in molte occasioni ha già dimostrato di non capire le richieste delle imprese e dei cittadini per quanto riguarda il centro città:
- confonde le richieste di riapertura della ZTL in coincidenza con l’emergenza anti-covid tendenti a contrastare processi di desertificazione commerciale del centro città e di riduzione della sua vivibilità complessiva, con le “sperimentazioni” dell’assetto della circolazione,
- confonde le aree pedonali (la cui utilizzazione pedonale e commerciale va esaltata) con la ZTL nella quale devono coesistere e devono essere resi più fluidi i flussi pedonali e veicolari
- confonde via Mancini (una via molto più larga, in ZTL, con i marciapiedi e quindi di conseguenza anche con i parcheggi), con Corso Vecchio che ha caratteristiche evidentemente opposte.
- sembra confondere, cosa ancora più grave, la concertazione alla luce del sole con i portatori di interessi generali legittimi con la interlocuzione con singoli conoscenti.
Infatti, l’amministrazione comunale per quanto riguarda il centro città appare del tutto confusa.
Di fronte alla nuova iniziativa sbagliata e autoreferenziale che ne allunga una serie rilevante, sorge legittimamente il dubbio che l’Amministrazione Comunale di Terni si caratterizzi per una incapacità culturale alla valorizzazione del centro città. Confartigianato chiede la revoca del provvedimento, una riorganizzazione della circolazione del tratto interessato di Corso Vecchio che escluda i parcheggi di fronte alle attività commerciali e artigianali, favorisca il transito pedonale e valorizzi la vivibilità del centro città. Confidiamo che L’Amministrazione finalmente dimostri capacità di governo e senza nascondersi dietro motivazioni tecniche o cavilli burocratici, trovi le soluzioni che le imprese e i cittadini si aspettano."

Così, in una nota, Confartigianato Terni.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information