coldirettiumbriaProsegue il "filo diretto" con i soci in tutti i territori della regione

(UNWEB)  Le zone di montagna e quelle più marginali, rappresentano un importante presidio del territorio in termini di vigilanza e manutenzione, ma soprattutto una risorsa economica importante dove il settore primario, con la zootecnia in primo piano, svolge un ruolo centrale.

È quanto emerso tra l'altro a Norcia, nel corso dell'incontro di ieri degli imprenditori agricoli della Coldiretti Umbria, cui ha partecipato anche l'Assessore regionale all'Agricoltura Roberto Morroni. L'appuntamento - riferisce Coldiretti - ha fornito l'occasione per un confronto costruttivo e aperto sui temi di maggior interesse del comparto, e rientrava nel tour dei territori in programma per un mese in varie città della regione, per analizzare novità ed evoluzioni del settore primario, con il protagonismo attivo e le esigenze dei soci in primo piano.

L'agricoltura, specie nelle aree interne - ha sottolineato il Presidente regionale Coldiretti Albano Agabiti - è stata capace negli anni di salvaguardare la biodiversità di prodotti e animali, evitando l'incuria di ambiente e paesaggio e i conseguenti evidenti rischi anche a livello idrogeologico. Per questo occorre in ogni modo tutelare il lavoro delle aziende agricole, agevolando investimenti utili a potenziare i servizi di questi aree, a cominciare da quelli legati alle infrastrutture viarie e digitali, ma anche difendendo il lavoro agricolo e i redditi dalle varie problematiche che li penalizzano. I danni della fauna selvatica all'agricoltura, l'aumento dei costi di produzione, ma anche la ricostruzione post sisma, il Programma di Sviluppo Rurale, la nuova PAC, filiere agroalimentari e zootecnica in particolare, questi i temi centrali affrontati nel corso della riunione.

Se vogliamo ancora rendere fruibili le nostre montagne - ha precisato Agabiti - urge aumentare gli sforzi indirizzati a sostenere questi territori, affinché le persone, specie i giovani, restino a vivere e lavorare qui dove, ripartenza economica, è sinonimo soprattutto di cibo e turismo.

Non sono mancati anche con il contributo di diversi esperti - conclude Coldiretti - approfondimenti più strettamente tecnici, utili nelle attività quotidiane dei singoli imprenditori e per programmare al meglio quelle future. Agricoltori, che devono farsi trovare pronti - è stato ricordato - verso le nuove sfide e possibilità all'orizzonte a cominciare dai temi dell'innovazione, della transizione ecologica e digitale, fondamentali anche per lo sviluppo delle filiere locali.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information