(UNWEB) “Soddisfazione per l’annuncio congiunto del ministero della Salute e della Federazione Aziende Sanitarie e Ospedaliere che quantifica in 48mila le assunzioni a tempo indeterminato che la legge di bilancio potrà garantire per il nuovo personale sanitario”. La esprime Tommaso Bori (Pd - vicepresidente della Commissione Sanità) evidenziando che “si tratta di una notizia importante, che premia il lavoro svolto dal Governo e in particolare dal ministro della Salute Roberto Speranza. Ciò - sottolinea il consigliere e segretario regionale Dem - contribuirà a rafforzare in maniera importante il Servizio sanitario nazionale, fortemente provato dall'emergenza sanitaria, e la sua natura pubblica e universalistica”.

“Grazie a questo accordo - ricorda Bori - l’Umbria potrà dotarsi di 1.450 nuovi operatori della sanità che non vanno sottratti ma sommati agli altri 1.550 promessi da quasi un anno dalla presidente della Giunta, Donatella Tesei, ma mai arrivati. Serviranno a riportare il sistema sanitario pubblico a pareggiare i pensionamenti mai rimpiazzati, che hanno mandato sotto organico la sanità regionale”.

“Se con questa azione incisiva il ministro Speranza ha dimostrato di fare la sua parte – conclude il consigliere PD - ora spetta alla presidente della Regione Tesei fare altrettanto, come promesso, e recuperare il tempo perduto”.


stampaitalia 300x250