anciUmbria(UNWEB) La Festa della Repubblica è la celebrazione di alti valori del nostro Paese, del nostro essere italiani e anche quest’anno rendiamo onore ai capisaldi della nostra società che sono la democrazia e la libertà. Celebrazioni sobrie, condizionate, da un lato, dal perdurare della pandemia, sebbene, in questi ultimi giorni, la situazione sia nettamente migliorata.

Ma questo non ci fa dimenticare sofferenze e dolori trascorsi, ma non passati. Più di 125mila morti solo in Italia; dall’altro, dalle recenti morti sul lavoro sia in Umbria, sia fuori regione, come pure dalle ultime tragedie, che non possono lasciarci indifferenti. Ferite aperte e indelebili che trovano, tuttavia, risposte nella nostra Costituzione che, dopo 75 anni, è più che mai attuale, grazie alla lungimiranza dei nostri Padri fondatori. Nell’articolo 1 hanno delineato l’identità della nostra Nazione: L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Ma quel lavoro non può essere causa di morte. Io credo che si debba ripartire da qui, dalla centralità del lavoro sicuro, da una ripresa economica e sociale che restituisca valore e centralità al capitale umano. Che il Recovery Plan, e tutti gli altri programmi comunitari, siano veramente occasione per ridefinire il nostro Paese, per garantire una nuova rinascita, ma soprattuttro una nuova crescita e sviluppo sostenibili e aggiungo lavoro “sostenibile”. Questa Festa della Repubblica è dedicata a tutte quelle persone che hanno perso la loro battagolia contro il Covid, a chi ha perso il lavoro, a chi ha perso la vita sul lavoro, a chi ha perso la vita perchè qualcuno ha smarrito il vero senso della vita che non è il profitto, ma la vita stessa. Come presidente di Anci Umbria auspico che questo 2 Giugno non sia un ritorno alla normalità, ma esattamente il contrario: che si apra, oggi come allora, una nuova fase storica per il nostro Paese, in cui si dia inizio a una nuova socialità, a un nuovo modo di fare impresa, di intendere l’economia, il lavoro, lo studio, l’uomo. Con la pandemia abbiamo potuto constatare che i modelli cui eravamo ispirati non sono più adeguati, e allora riprendiamo in mano la
Anci Umbria celebra nei suoi Comuni la Festa della Repubblica
Toniaccini: “Che il 2 Giugno non sia un ritorno alla normalità, ma che si apra, oggi, come allora, una nuova fase storica per il nostro paese”
La Festa della Repubblica è la celebrazione di alti valori del nostro Paese, del nostro essere italiani e anche quest’anno rendiamo onore ai capisaldi della nostra società che sono la democrazia e la libertà. Celebrazioni sobrie, condizionate, da un lato, dal perdurare della pandemia, sebbene, in questi ultimi giorni, la situazione sia nettamente migliorata. Ma questo non ci fa dimenticare sofferenze e dolori trascorsi, ma non passati; dall’altro, dalle recenti morti sul lavoro sia in Umbria, sia fuori regione, come pure dalle ultime tragedie, che non possono lasciarci indifferenti. Ferite aperte e indelebili che trovano, tuttavia, risposte nella nostra Costituzione che, dopo 75 anni, è più che mai attuale, grazie alla lungimiranza dei nostri Padri fondatori. Nell’articolo 1 hanno delineato l'identità della nostra Nazione: L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. Ma quel lavoro non può essere causa di morte. Io credo che si debba ripartire da qui, dalla centralità del lavoro sicuro, da una ripresa economica e sociale che restituisca valore e centralità al capitale umano. Che il Recovery Plan, e tutti gli altri programmi comunitari, siano veramente occasione per ridefinire il nostro Paese, per garantire una nuova rinascita, ma soprattutto una nuova crescita e sviluppo sostenibili e aggiungo lavoro “sostenibile”. Abbiamo i programmi, le risorse, la nostra Carta Costituzionale, riscriviamo il nostro Paese!
Questa Festa della Repubblica vorrei dedicarla a tutte quelle persone che hanno perso la loro battaglia contro il Covid, a chi ha perso il lavoro, a chi ha perso la vita sul lavoro, a chi ha perso la vita perchè qualcuno ha smarrito il vero senso della vita, che non è certamente il mero profitto. A chi, invece, con il suo lavoro, dedizione e altruismo, in pieno rispetto della Costituzione, ha salvato vite umane.
Come presidente di Anci Umbria auspico che questo 2 Giugno non sia un ritorno alla normalità, ma esattamente il contrario: che si apra, oggi come allora, una nuova fase storica per il nostro Paese, in cui si dia inizio a una nuova socialità, a un nuovo modo di fare impresa, di intendere l’economia, il lavoro, lo studio, l’uomo. Con la pandemia abbiamo potuto constatare che i modelli cui eravamo ispirati non sono più adeguati, e allora riprendiamo in mano la Costituzione, rileggiamola, applichiamola, e con essa, che è sempre fonte di ispirazione e guida lungimirante, costruiamo una nuova Italia, pronta a vincere le sfide del presente e del futuro”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information