Bori(UNWEB) “Una riforma che danneggia i giovani quella proposta dal ministro Brunetta relativamente ai concorsi pubblici”. Così il capogruppo del Partito democratico, Tommaso Bori, in merito al decreto legge ‘44/2021’ che prevede “uno sbarramento iniziale per titoli e uno finale per titoli di servizio. Non un errore in sé, ma uno sbaglio se usati come uno sbarramento in partenza”.

“Il sistema pubblico – spiega Bori – deve premiare il merito e permettere a tutti l’uguaglianza alla partenza. La partecipazione ai concorsi pubblici non può essere condizionata ad una preselezione rispetto a titoli ulteriori a quelli necessari in origine per avere accesso alle posizioni. La vera semplificazione - osserva - passa per la digitalizzazione e l’innovazione, non escludendo giovani volenterosi solo perché non hanno potuto partecipare a master costosi”.

“La riforma – prosegue Bori – non è discriminatoria solo per i giovani, ma anche per tutti coloro che si sono ritrovati impossibilitati a formarsi, anche dopo il conseguimento di un titolo di studio. Bene ha fatto quindi la presidenza del Partito democratico ad aver adottato un ordine del giorno per impegnare i parlamentari ad aprire una discussione affinché – conclude - le norme della riforma non siano discriminatorie per nessuno”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information