de luca thomas(UNWEB)  "Ecco l'interesse della Lega per le Acciaierie di Terni. Rinviata in commissione la mozione presentata dalle minoranze sul futuro di Ast e lo sviluppo sostenibile dell'Umbria, con l'assessore Fioroni che precisa 'la Giunta regionale non si occupa di piani industriali'. Zero proposte, due ore di nulla e il ritiro di un emendamento del consigliere Carissimi imposto dalla presidente Tesei. Questo è il messaggio della Lega al Governo e all'Europa: in Umbria c'è il nulla al potere", così il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca, dopo la sessione straordinaria dell’Assemblea legislativa su Ast (https://tinyurl.com/285wwp45 (link is external)).

"Sul futuro del polo siderurgico di Terni – sottolinea il capogruppo pentastellato - emerge un quadro di incertezza. Dietro al trionfalismo della politica l'atteggiamento del 'non disturbate il manovratore' mostrato dalla presidente Tesei non è accettabile, soprattutto quando a pagare le conseguenze sociali ed ambientali dovranno essere cittadini e lavoratori. Lo Stato deve fare lo Stato, gli imprenditori devono fare gli imprenditori. E la politica deve rappresentare tutti gli interessi in gioco, non solo quelli degli acciaieri. Basta con i comportamenti inaccettabili".

"Non è passata inosservata - prosegue il portavoce del M5S - la scelta simbolica di ricevere il cavalier Arvedi a Palazzo Donini e non a Palazzo Spada. L'acciaieria di Terni – commenta - non è solo del proprietario pro-tempore, ma dei ternani. Quelli che per una vita hanno scandito tempi e abitudini con la sirena della fabbrica e che hanno visto vocabolo Valle trasformarsi in collina di scorie. Oggi nemmeno una parola sulla questione della discarica a due passi dalla Cascata delle Marmore che è in esaurimento. Non ci sono spazi di ampliamento e ci chiediamo che cosa succederà quando si arriverà al collasso. Porteremo le scorie all'estero? A quale costo e con quale impatto? Ecco perché la politica del non disturbare il manovratore non è accettabile".

"Non conosciamo le intenzioni del cavalier Arvedi - continua De Luca -, vedremo il piano industriale dopo il pronunciamento dell'antitrust. Ma la politica deve dare un segnale. Nessuna decisione deve essere presa con leggerezza, specie su un asset come il Tubificio dove la posizione di forza del gruppo Arvedi potrebbe far storcere il naso a qualcuno. Un impegno da cui, come Movimento 5 Stelle, non ci siamo mai sottratti attraverso i nostri portavoce nazionali, la nostra europarlamentare Daniela Rondinelli e il gruppo dei parlamentari europei. Ogni discorso, infine, si lega fortemente alla necessità di rendere sostenibili le produzioni e all'obiettivo dell'azzeramento delle emissioni nel 2050. Terni – evidenzia - esce da una fase di vendita che è durata un decennio ed in cui ha accumulato un gap rispetto ai competitor. Mentre noi continuiamo ad avere a che fare con i problemi logistici ed infrastrutturali storici, i nostri concorrenti investono in innovazione e sostenibilità".

"Ma se questa destra - prosegue De Luca - continua a sostenere che la causa del superamento dei limiti delle concentrazioni in atmosfera delle polveri a Terni sono caminetti e carni alla brace, questa sfida che ci dovrebbe guidare verso una transizione dei processi industriali in ottica di sostenibilità ambientale, ci vedrà sempre rincorrere i nostri competitor. È più che legittima la preoccupazione che inserire Terni, Taranto e Piombino in un unico calderone – conclude - possa premiare in termini di investimenti gli stabilimenti che si trovano in posizioni strategiche. In attesa del piano industriale, ad oggi è difficile esprimere un giudizio sull'operazione".


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information