(UNWEB) “Dalle sei alle otto ore in fila per fare un tampone, chiusi in auto e senza toilette: questa è la condizione incivile che hanno dovuto subire ieri, presso il drive through di Città di Castello, centinaia di cittadini, tra cui donne incinta e molti bambini che erano in attesa di rientrare a scuola”. È quanto denuncia in una nota il consigliere regionale Michele Bettarelli (Pd - vicepresidente dell’Assemblea legislativa) che, in proposito, annuncia un’interrogazione urgente in cui chiede alla Giunta quali siano state “le cause che hanno portato a queste file interminabili, se sia intenzionata a potenziare o attivare un altro drive through nell’AltoTevere e se s’intende assumere personale da destinare a questo importante servizio".

“Ciò che ci è stato segnalato da più parti in queste ore - sottolinea Bettarelli - testimonia come, troppo spesso, la Regione non sia più in grado di assicurare un’organizzazione degna di un paese civile. Sono ormai settimane che gli stessi problemi si ripropongono, a più riprese, in tutto il territorio regionale. E questo è inaccettabile. Le code chilometriche ritratte a Perugia ormai diverse settimane fa e riprese da tutti i media nazionali, non sono bastate all’assessore Coletto per spingerlo a rimodulare e potenziare il sistema pubblico di screening, che, in Umbria, è ormai allo sbando nonostante l’impegno straordinario degli operatori della sanità”.

“Il caso di Città di Castello - prosegue - conferma ormai l’incapacità strutturale di questa Giunta regionale a porre rimedio ai veri problemi dei cittadini, così come a dare risposte adeguate agli operatori sanitari sottoposti da mesi a turni massacranti. Il caso del drive through di Città di Castello ha svelato come la mancata attivazione di corsie preferenziali per disabili, donne in gravidanza e bambini, più volte richiesta e mai realizzata neppure in previsione della riapertura delle scuole, unita alla carenza di personale medico e infermieristico, può creare disagi enormi e portare le strutture pubbliche al collasso e i cittadini all’esasperazione”.

“È assolutamente necessario - conclude Bettarelli - aumentare la dotazione di strutture pubbliche di screening e di vaccinazione a disposizione del territorio dell’Alto Tevere così da prevenire anche situazioni indecorose come questa, non degne di un paese civile, tanto più in un momento di assoluta emergenza come questo”.


Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information