143233783 2920217108215308 350368579819311769 o(UNWEB) "Cogliere le nuove sfide e i nuovi obiettivi nella gestione dei rifiuti che l’Unione europea ci pone e trasformare gli obblighi in uno strumento fondamentale sia per la salvaguardia dell’ambiente e della salute umana che per la creazione di nuove opportunità economiche e sociali”: sono queste le finalità dichiarate delle due proposte di legge depositate dal consigliere regionale Daniele Carissimi (Lega - responsabile umbro del Dipartimento ambiente) e firmate insieme ai consiglieri del gruppo.

Il primo provvedimento interviene sulla “ormai vetusta LR 11/2009 ‘Norme per la gestione integrata dei rifiuti e la bonifica delle aree inquinate’ e mira a dotare finalmente l’Umbria prima di tutte le altre regioni di una normativa al passo con i tempi e in linea con gli ambiziosi obiettivi di fronte a cui ci pone l’Unione europea. La finalità della mia proposta di legge – spiega Carissimi – è dare nuovo impulso allo sviluppo di modelli socio-economici improntati alla sostenibilità e alla circolarità dell’intera filiera del prodotto, trasformando il rifiuto in risorsa ed opportunità. La gestione dei rifiuti deve seguire un modello di economia circolare, in base al quale i rifiuti vengono rimessi nello stesso o in un differente processo produttivo dando vita ad un nuovo modello di produzione rispettoso della gerarchia delle priorità nella gestione dei rifiuti. In questo quadro la proposta di legge mira a favorire tutti quegli strumenti di prevenzione della produzione di rifiuti, quali l’eco-design, la diffusione di centri di riuso e piattaforme di condivisione, la creazione e il sostegno di reti di riutilizzo e di riparazione, nonché l’introduzione di sistemi di cauzione-rimborso e di riconsegna-ricarica”.

“Altra finalità – prosegue il consigliere di maggioranza - è quella di ridurre il più possibile i rifiuti destinati a smaltimento in discarica, garantendo in primis un’alta qualità e quantità della raccolta differenziata attraverso l’estensione in tutto il territorio della tariffazione puntuale ed il perseguimento di specifici sistemi di eco-fiscalità e meccanismi di penalità o premialità per i Comuni in ragione del raggiungimento degli obiettivi sanciti dagli strumenti di pianificazione”.

“L’altra proposta di legge – continua Carissimi – è complementare alla prima in quanto interviene sull’organizzazione territoriale del servizio di gestione integrata dei rifiuti e del servizio idrico integrato per superare i limiti evidenziati dalla LR 13/2011 ‘Norme di organizzazione territoriale del servizio idrico integrato e del servizio di gestione integrata dei rifiuti – soppressione degli Ambiti territoriali integrati’, con l’obiettivo di offrire all’AURI strumenti di governance effettivi, efficienti ed efficaci ma soprattutto adeguati e in grado di garantire una amministrazione del sistema idrico ed integrato dei rifiuti moderno, competente e stabile, che sappia interloquire con i gestori e gli utenti. La proposta conferma l’individuazione dell'intero territorio regionale quale ambito territoriale ottimale e il ruolo dell’AURI come stazione appaltante unica per l’affidamento sia del servizio idrico integrato che per il servizio di gestione integrata dei rifiuti. La stessa AURI – conclude Daniele Carissimi - stabilirà se i servizi verranno affidati ad un gestore per ogni bacino territoriale od un gestore unico regionale”.


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa completa.

  
EU Cookie Directive Module Information